Clara

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Clara

Clara

L’origine e il significato

È la forma latina, quindi più antica, del nome Chiara e deriva dall’aggettivo “clara” = “chiara”, riferito dapprima al suono della voce, poi esteso alla sfera spirituale a indicare una persona “illustre e meritevole”. La santa di Assisi è il personaggio più conosciuto con questo nome: fondatrice dell’ordine delle Clarisse, si racconta che, pur non essendo fisicamente presente all’evento, vide il funerale di san Francesco in modo miracoloso, attraverso immagini proiettate sulle pareti del chiostro. Per questo è oggi considerata la protettrice della televisione. Ricordiamo inoltre la tristemente nota Claretta Petacci, l’amante di Mussolini che venne fucilata insieme a lui.

L’onomastico

Si festeggia l’11 agosto, giorno della morte della santa di Assisi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti