Maddalena

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Maddalena

Maddalena

L’origine e il significato

Risale al latino ecclesiastico “Magdalena”, che a sua volta va ricondotto al termine greco evangelico “magdalené”. Era l’aggettivo che indicava Maria, la “donna proveniente dal villaggio di Mágdala”, sul lago di Galilea, a nord di Tiberiade. Maria la Maddalena, dopo una vita di perdizione, divenne fedele seguace di Gesù, tanto che assistette alla Crocefissione e fu la prima a vedere Cristo risorto. La diffusione del nome iniziò a partire dal XIII secolo, in seguito al presunto ritrovamento delle reliquie proprio di Maria Maddalena. In epoca contemporanea ricordiamo, tra coloro che si chiamano così, l’attrice teatrale Maddalena Crippa.

L’onomastico

Il nome Maddalena è celebrato il 22 luglio, giorno in cui chi si chiama così può festeggiare l’onomastico

Scopri tutti i nomi femminili per la tua bambina

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti