Simona

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Simona

Simona

L’origine e il significato

Di origine ebraica, Simone è un nome ricorrente nei vangeli. Deriva dall’espressione “shime’on”, che si può tradurre con “Dio ha ascoltato”. Si chiama così originariamente san Pietro, mentre un altro Simone famoso è lo “Stilita”, il primo degli asceti che vivevano appollaiati su colonne molto alte. La parola “simonia” (“traffico di cose sacre”) risale invece a Simon Mago, un ebreo contemporaneo di Gesù che cercò di comprare dagli Apostoli la facoltà di parlare più lingue. Tre donne significative della nostra epoca, tutte francesi, portano questo nome: Simone Signoret, attrice politicamente impegnata, la scrittrice Simone de Beauvoir e Simone Veil, che fu il primo presidente del Parlamento Europeo di Strasburgo.

L’onomastico

Chi si chiama cos

Scopri tutti i nomi femminili per la tua bambina

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti