Valeria

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Valeria

Valeria

L’origine e il significato

Come Valentina, deriva dal latino “valens” = “sano, forte”, a sua volta risalente al verbo “valeo”, cioè “essere in salute”: significa quindi “vigoroso, forte”. In epoca romana fu dapprima utilizzato come soprannome, poi divenne un nome a tutti gli effetti e fu portato da personaggi celebri, come il leggendario Valerio Publicola, collega di Bruto nel consolato durante il primo anno della repubblica e lo storico Valerio Massimo. In epoca contemporanea ricordiamo la grande attrice teatrale Valeria Morriconi e Valeria Bruni Tedeschi, attrice cinematografica e sorella della modella e cantante Carla Bruni.

L’onomastico

Le “Valerie” possono festeggiare l’onomastico il 14 aprile, in ricordo di santa Valeria, moglie di san Vitale (cui è dedicata la basilica di Ravenna).

Scopri tutti i nomi femminili per la tua bambina

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti