Zita

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Zita

Zita

L’origine e il significato

Questo nome, diffuso in particolare in Toscana e in Lombardia, deve la sua fortuna al culto di santa Zita vergine, venerata particolarmente a Lucca. Deriva da “zita” (o cita, città), con il significato di “bambina, ragazza non sposata” (da cui il sostantivo zitella). La protettrice delle “Zite” ebbe una vita di carità, dedita in particolar modo all’assistenza dei poveri. I numerosissimi miracoli che hanno avuto origine dalla venerazione delle sue reliquie facilitarono il consenso al culto di questa santa da parte di Papa Innocenzo XII. Patrona di Lucca, è stata proclamata nel 1935 anche patrona delle collaboratrici familiari. Tra i personaggi storici, possiamo ricordare Zita di Borbone Parma, moglie di Carlo I d’Asburgo.

L’onomastico

Chi porta questo nome festeggia l’onomastico il 27 aprile.

Scopri tutti i nomi femminili per la tua bambina

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti