Adriano

Laura Tuan
A cura di Laura Tuan
Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 07/08/2018

Origine e significato del nome Adriano

Adriano
L’origine e il significato

Di provenienza romana, appartiene al gruppo dei nomi etnici e significa “nativo di Adria“, un’antica città veneta, tra le foci dell’Adige e del Po, da cui prende il nome anche il mare Adriatico. E’ il nome di sei pontefici e di un imperatore romano, a cui si deve  il Vallo Adriano, una fortificazione in pietra che si estende per 117 km in Inghilterra. E’ un nome che esprime sincerità, fedeltà, bontà d’animo, intelletto fine e che può favorire gli studi tecnici, come l’ingegneria e la matematica. I piccoli Adriano tendono a dimostrare fin dai primi anni di vita un grande senso pratico ma anche estro e creatività.

Porta questo nome il mitico Celentano, ma gli ha fatto onore anche Panatta, un grandissimo del tennis, e Pappalardo, reso indimenticabile dalla canzone Ricominciamo e ora nonno di Leon, figlio di suo figlio Laerte e di Selvaggia Lucarelli.

 

L’onomastico

Sant’Adriano di Nicomedia è ricordato l’8 settembre. 

Numero fortunato: 8

Simbolo portafortuna: Rametto di pino

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti