Alberto

Laura Tuan
A cura di Laura Tuan
Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 13/08/2018

Origine e significato del nome Alberto

Alberto
L’origine e il significato

Forma contratta di Adalberto, è un nome di origine germanica importato in Italia dai Franchi. Deriva dal germanico “adal” = “nobiltà” e “berth” = “splendente” oppure “illustre”. Il significato del nome è quindi “uomo di illustre nobiltà”. Portare questo nome favorisce la sincerità, l’apertura verso gli altri, lo spirito di avventura, il coraggio.Tra gli scrittori che hanno portato questo nome, Albert Camus e Alberto Moravia, ma anche il premio nobel Albert Einstein, l’amatissimo attore Alberto Sordi e lo sciatore Alberto Tomba. L’uomo che più ha influito sulla diffusione del nome è stato Alberto Magno, filosofo scolastico maestro di san Tommaso d’Aquino, morto a Colonia nel 1280 e dichiarato dottore della Chiesa da papa Pio XI.  

L’onomastico

Chi porta questo nome può festeggiare l’onomastico il 15 novembre, giorno in cui la Chiesa ricorda sant’Alberto Magno, protettore degli studiosi di scienze naturali. Il 23 aprile è invece solo per Adalberto.

Numero fortunato:  1 (Alberto); 5 (Adalberto)

Simbolo portafortuna: Un ramo di lavanda

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti