Bernardo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Bernardo

Bernardo

L’origine e il significato

È un nome di origine germanica composto dai vocaboli “bërö” = “orso” e “hardu” = “duro, valoroso, coraggioso”. Significa quindi “duro come un orso”, di conseguenza, per estensione, “molto coraggioso”. Nel passato, il Bernardo più famoso fu sicuramente il santo di Chiaravalle, padre della Chiesa, sostenitore della teologia scolastica (che metteva in primo piano la preghiera e la contemplazione) e fondatore della famosissima abbazia omonima nei pressi di Milano, in una zona all’epoca malsana e acquitrinosa. Si ricorda, inoltre, il pittore del ’500 Bernardo Luini, il commediografo inglese Shaw (1856-1950) e, in epoca contemporanea, il regista Bernardo Bertolucci.

L’onomastico

L’onomastico cade il giorno 20 agosto, in memoria del santo sopra ricordato.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che vuole solo il papà dopo l’arrivo della sorellina

20/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Dopo la nascita di un fratellino, è positivo che il maggiore crei un legame speciale con il padre e la mamma, anziché sentirsi messa da parte, dovrebbe esserne contenta.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Orticaria dopo un’infezione: può essere allergia all’antibiotico?

02/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

In una bimba di tre anni, è raro che la comparsa di puntini rossi durante una cura antibiotica sia dovuta a un'allergia al farmaco. E' più probabile, invece, che dipenda da una reazione agli agenti batterici o virali che hanno causato l'infezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti