Biagio

Origine e significato del nome Biagio

L’origine e il significato

Il nome latino “blasius” deriva da “blaesus”, ripreso dal greco “blaisos”, che significa “storto, dalle gambe storte”. In realtà, il termine latino venne utilizzato nel senso di “balbuziente”. In origine, quindi, il nome fu usato molto probabilmente come soprannome, per indicare una persona con un difetto nella pronuncia. Diffuso in tutta Italia, in particolar modo al Sud, è presente anche nelle forme Biasio, Biase, Biagia e Biagina. Deve la sua fortuna al culto di san Biagio vescovo, martire in Armenia nel IV secolo. La leggenda narra che Biagio salvò un fanciullo a cui si era conficcata una spina di pesce in gola e, per questo, divenne protettore della gola.

L’onomastico

Chi porta questo nome festeggia l’onomastico il 3 febbraio, giorno dedicato dalla Chiesa a san Biagio.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti