Carlo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 09/01/2024

Origine e significato del nome Carlo

L’origine e il significato

È un nome di origine germanica, utilizzato per indicare “un uomo libero, ma senza beni ereditari”. Carlo è sinonimo di “forte, valoroso”. Uno dei personaggi storici che più degnamente portò questo nome fu Carlo Magno, leggendario sovrano della dinastia carolingia, ma non c’è casa regnante che non abbia avuto tra le sue fila monarchi, re o principi che hanno portato questo nome. Nella letteratura si ricordano, tra gli altri, Carlo Collodi, Carlo Cattaneo, Carlo Castellaneta, Carlo Levi, Carlo Emilio Gadda.

L’onomastico

La Chiesa festeggia San Carlo Borromeo il 4 novembre, come il principale protettore dei moltissimi “Carli” e anche patrono degli studi. Altro onomastico può essere, per chi porta questo nome, il 7 gennaio, data in cui viene festeggiato San Carlo da Sezze.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo nato prematuro con broncodisplasia severa: quando potrà fare a meno dell’ossigeno?

19/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Non è quasi mai possibile prevedere quando un piccolissimo con un severo problema all'apparato respiratorio potrà rinunciare al supporto dell'ossigeno.   »

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti