Cesare

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Cesare

Cesare

L’origine e il significato

Deriva da “aisar”, vocabolo di origine etrusca, latinizzato in “caesar” e divenuto cognomen, cioè il nome che indicava una gens (famiglia) latina. Significa “grande”, ma l’etimologia del nome è incerta e variamente interpretata. A tutti sono note le imprese e la personalità del grande Giulio Cesare, la cui celebrità nel mondo arrivò a tal punto che in molte nazioni Caesar assunse il significato di imperatore (basti pensare al tedesco kaiser e al russo kzar, divenuto poi zar). Tra i molti “Cesari” famosi, ricordiamo: Cesare Borgia, Cesare Beccaria, Cesare Correnti, Cesare Battisti, Cesare Cantù, Cesare Pavese e Cesare Musatti.

L’onomastico

L’onomastico si festeggia il 10 dicembre in memoria di S. Cesare, uno dei settantadue primi seguaci di Cristo.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti