Danilo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Danilo

Danilo

L’origine e il significato

Si tratta di un adattamento del nome russo “Daniil” e del serbo-croato e sloveno “Danil, Danijel”, in seguito ripreso nelle zone di confine dalle minoranze slovene e diffusosi nei paesi nordici. Deve la sua origine al nome ebraico “Däniy’el”, composto da “dân” = “ha giudicato”, oppure da “dayan” = “giudice”, e dalla forma abbreviata “el” di “elohim” = “Dio”. L’interpretazione del nome è perciò “Dio ha (così) giudicato” oppure “Dio è il mio giudice“. “Nilo” è una forma particolare del nome originario greco-bizantino “Nêilos”, pronunciato in età bizantina Nìlos e attribuito al fiume sacro d’Egitto, il Nilo.

L’onomastico

Chi porta questo nome festeggia l’onomastico il 21 luglio, in ricordo di san Daniele, il profeta che, dopo essere stato gettato nella fossa dei leoni, ne uscì incolume.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti