Ferdinando

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Ferdinando

Ferdinando

L’origine e il significato

Si tratta di un nome di origine gotica, composto da “frithu” = “pace” e “nanths” = “coraggioso”. Il significato è quindi “coraggioso nella pace”. In realtà, i Ferdinando di cui la storia ci parla furono tutti piuttosto bellicosi, a cominciare da Fernando Cortez, il sanguinario conquistatore del Messico degli Atzechi. Ferdinando II, re delle Due Sicilie, si meritò addirittura il soprannome di “re bomba” per aver bombardato la città di Messina indifesa, e Ferdinando d’Aragona, nonostante fosse detto “il re cattolico”, istituì il tribunale dell’Inquisizione.

L’onomastico

L’onomastico di chi porta questo nome è il 30 maggio, giorno in cui la Chiesa ricorda san Ferdinando.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti