Leonardo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Leonardo

Leonardo

L’origine e il significato

È un nome di origine germanica arrivato in Italia attraverso i Franchi. Deriva dal germanico “leo” = “leone” e “hart” = “forte”, “valoroso”. Leonardo significa, dunque, “forte come un leone”. Portò questo nome san Leonardo abate. Leonardo nacque in Gallia da una nobile famiglia franca di tradizione guerriera e rifiutò le armi per seguire il suo maestro san Remigio nella predicazione. Ma il più illustre personaggio a portare questo nome è senza dubbio Leonardo da Vinci, uno dei più grandi geni italiani: pittore, scultore, architetto, scienziato, inventore, anatomista, botanico, scrittore, fisico e musicista.

L’onomastico

La Chiesa ricorda san Leonardo il 10 febbraio.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti