Massimiliano

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Massimiliano

Massimiliano

L’origine e il significato

È un nome molto diffuso in tutta Italia e quasi esclusivamente nella forma maschile. Ha un’etimologia latina e deriva dal cognomen (cioè soprannome) “Maximus”, “il più grande, massimo”, che all’origine veniva utilizzato per indicare il più anziano fra tre o più fratelli. Si chiamarono con questo nome principi e regnanti del Sacro romano impero, delle case di Asburgo e di Milano. Ricordiamo tra tutti Massimiliano Sforza, duca di Milano e figlio di Ludovico il Moro, e Massimiliano d’Asburgo, arciduca d’Austria.

L’onomastico

La Chiesa celebra san Massimiliano martire il 29 ottobre, giorno onomastico di chi porta questo nome.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti