Matteo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Matteo

Matteo

L’origine e il significato

Si tratta di un nome di origine ebraica, che significa “dono di Dio”, in quanto è composto da “mathat” (dono) e “yah” (forma abbreviata di Yahvè, Dio). Diffuso in tutta Italia, anche nella forma Mattia, il nome è legato al culto di san Matteo, apostolo, evangelista e martire. Matteo era un esattore delle imposte che decise di seguire Gesù, lasciando il suo lavoro e i facili guadagni. Più tardi, narrò in un Vangelo che prende il suo nome i fatti della vita di Cristo, di cui fu fedele discepolo fino alla morte.

L’onomastico

Chi porta questo nome, festeggia l’onomastico il 21 settembre, giorno in cui la Chiesa ricorda l’evangelista Matteo.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti