Mauro

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 09/01/2024

Origine e significato del nome Mauro

L’origine e il significato

Il nome riproduce l’espressione latina Maurus, che è il modo in cui i Romani erano soliti indicare la popolazione dei Mauri, stanziata ai tempi nella Mauritania (l’attuale Marocco). La sua origine è ancora oggi molto discussa: l’ipotesi più accreditata lo vuole derivato dal greco “mauròs” = “scuro”, ricollegandosi al fatto che gli abitanti della Mauritania avevano la carnagione scura. Molti sono i personaggi famosi che portano questo nome. Ne ricordiamo, per esempio, uno nel cinema: il noto regista Mauro Bolognini.

L’onomastico

I Mauro festeggiano il loro onomastico il 15 gennaio, in ricordo dell’abate benedettino del VI secolo, fondatore di una celebre abbazia sulla Loira.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti