Nathan

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/04/2018 Aggiornato il 09/01/2024

Origine e significato del nome Nathan

L’origine e il significato

Diventato famoso da quando Elisabetta Gregoraci e Flavio Briatore hanno chiamato così il proprio figlio, anche in Italia si è diffuso in questa forma. In passato era comune soprattutto negli Stati Uniti, Canada e Australia, più qualche stato europeo come Francia e Belgio. Deriva dall’ebraico Nehta, che significa “dono, regalo”, ed è anche il nome del profeta che accusò il re Davide di aver fatto uccidere il marito di Betsabea, futura madre di Salomone, con l’obiettivo di sposarla. Da notare che ha la stessa radice etimologica dei nomi Nathaniel e Jonathan.

L’onomastico

Questo nome è adespota, quindi non ha corrispondenza nei nomi dei santi e dei beati riconosciuti dalla Chiesa. Si può festeggiare allora il 1° novembre, festa di Ognissanti.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti