Nathan

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/04/2018 Aggiornato il 26/04/2018

Origine e significato del nome Nathan

Nathan

L’origine e il significato

Diventato famoso da quando Elisabetta Gregoraci e Flavio Briatore hanno chiamato così il proprio figlio, anche in Italia si è diffuso in questa forma. In passato era comune soprattutto negli Stati Uniti, Canada e Australia, più qualche stato europeo come Francia e Belgio. Deriva dall’ebraico Nehta, che significa “dono, regalo”, ed è anche il nome del profeta che accusò il re Davide di aver fatto uccidere il marito di Betsabea, futura madre di Salomone, con l’obiettivo di sposarla. Da notare che ha la stessa radice etimologica dei nomi Nathaniel e Jonathan.

L’onomastico

Questo nome è adespota, quindi non ha corrispondenza nei nomi dei santi e dei beati riconosciuti dalla Chiesa. Si può festeggiare allora il 1° novembre, festa di Ognissanti.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti