Pablo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Pablo

Pablo

L’origine e il significato

È la versione spagnola di “Paolo”, un nome tra i più diffusi in tutte le lingue europee. Deriva dall’aggettivo latino “paulus”, che significa “piccolo, giovane” e deve la sua fortuna a san Paolo apostolo, uno dei più convinti sostenitori del cristianesimo, noto anche per la sua conversione sulla strada di Damasco, dopo l’apparizione del Messia che, per spaventarlo, gli aveva temporaneamente tolto la vista. Tra i numerosi papi che portarono questo nome, ricordiamo Paolo III Farnese: grande appassionato di letteratura e arte, affidò a Michelangelo la direzione dei lavori della basilica di San Pietro. Numerosi anche i “Paolo” pittori, come Gauguin, Cezanne e Picasso e poeti, tra cui Verlaine, Valery e Neruda.

L’onomastico

La Chiesa ricorda san Paolo, insieme a san Pietro, il 29 giugno.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti