Pablo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Pablo

Pablo

L’origine e il significato

È la versione spagnola di “Paolo”, un nome tra i più diffusi in tutte le lingue europee. Deriva dall’aggettivo latino “paulus”, che significa “piccolo, giovane” e deve la sua fortuna a san Paolo apostolo, uno dei più convinti sostenitori del cristianesimo, noto anche per la sua conversione sulla strada di Damasco, dopo l’apparizione del Messia che, per spaventarlo, gli aveva temporaneamente tolto la vista. Tra i numerosi papi che portarono questo nome, ricordiamo Paolo III Farnese: grande appassionato di letteratura e arte, affidò a Michelangelo la direzione dei lavori della basilica di San Pietro. Numerosi anche i “Paolo” pittori, come Gauguin, Cezanne e Picasso e poeti, tra cui Verlaine, Valery e Neruda.

L’onomastico

La Chiesa ricorda san Paolo, insieme a san Pietro, il 29 giugno.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni che dà testate e pizzicotti quando è contento

15/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Ci sono gesti che compie il bambino che è opportuno impedire: per farlo occorrono toni e atteggiamenti di affettuosa determinazione.   »

Lo zucchero è vietato in assoluto ai bambini?

14/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Alimenti e bevande contenenti lo zucchero che si usa normalmente in cucina a scopo dolcificante non sono vietati in assoluto, ma non è certo opportuno concederli ogni giorno. In un'ottica di dieta sana devono essere introdotti solo occasionalmente (e questo vale anche per gli adulti).   »

Ansia e attacchi di panico in gravidanza e lo psichiatra (incomprensibilmente) sospende i farmaci

12/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è comprensibile la ragione per la quale una donna che soffre di un disturbo ansioso con attacchi di panico dovrebbe sospendere i farmaci per il solo fatto di essere incinta, tanto più che medicinali che controllano i sintomi e sono compatibili con la gravidanza ci sono.  »

Fai la tua domanda agli specialisti