Raffaele

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Raffaele

Raffaele

L’origine e il significato

Deriva dal latino Raphäel, a sua volta tratto dall’ebraico Repha’el, composto dalla radice del verbo “rapha”, che vuol dire “guarire” e da “El”, forma abbreviata di “Elohim”, cioè “Dio”. Il nome, quindi, assume il significato di “Dio ha guarito”. Raffaele fu largamente utilizzato nel Medioevo grazie al culto dell’arcangelo Raffaele, ma nelle epoche successive ha avuto minore fortuna. Oggi è tornato a essere diffuso in tutta la Penisola anche al femminile e, in Toscana, nella variante Raffaello. È presente all’estero, nelle forme Raphäel (francese) e Raphael (inglese e tedesco).

L’onomastico

L’onomastico si festeggia il 24 ottobre, giorno in cui la Chiesa ricorda l’arcangelo Raffaele.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti