Romeo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 09/01/2024

Origine e significato del nome Romeo

L’origine e il significato

Di evidente derivazione, è legato a Roma, città Santa della cristianità e significa, appunto “romano”. Risale all’aggettivo greco “rhomáios”, usato per indicare la vicinanza della civiltà greca a quella romana e, con il passare del tempo, fu sempre più spesso pronunciato come “romèos”. Nel Medioevo fu usato come aggettivo e attribuito a tutti coloro che si recavano in pellegrinaggio nella città Santa, restando come titolo onorifico per tutta la vita. La sua diffusione in passato è legata alla fortuna del dramma di Shakespeare Romeo e Giulietta, da cui negli anni sono stati tratti numerosi film, tra i quali uno con l’attore Leonardo Di Caprio.

L’onomastico

Il 26 febbraio cade il giorno onomastico di tutti coloro che portano questo nome.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti