Romeo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Romeo

Romeo

L’origine e il significato

Di evidente derivazione, è legato a Roma, città Santa della cristianità e significa, appunto “romano”. Risale all’aggettivo greco “rhomáios”, usato per indicare la vicinanza della civiltà greca a quella romana e, con il passare del tempo, fu sempre più spesso pronunciato come “romèos”. Nel Medioevo fu usato come aggettivo e attribuito a tutti coloro che si recavano in pellegrinaggio nella città Santa, restando come titolo onorifico per tutta la vita. La sua diffusione in passato è legata alla fortuna del dramma di Shakespeare Romeo e Giulietta, da cui negli anni sono stati tratti numerosi film, tra i quali uno con l’attore Leonardo Di Caprio.

L’onomastico

Il 26 febbraio cade il giorno onomastico di tutti coloro che portano questo nome.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti