Silvio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Silvio

Silvio

L’origine e il significato

È un antichissimo nome latino, legato alla storia mitica di Roma. Si chiamava così il re di Albalonga, figlio di Enea e di Lavinia. Derivava dal sostantivo latino “silva”, che significa “selva, bosco”. Pertanto Silvio è “colui che vive nel bosco” oppure “viene dal bosco”. Si diffuse alla fine dell’età repubblicana e fu poi adottato anche in ambiente cristiano. E fu proprio grazie a vari santi che diventò abbastanza popolare nel Medioevo. Tra i personaggi famosi dobbiamo ricordare l’eroico Silvio Pellico che, accusato di appartenere alla Carboneria, scontò venti anni in carcere nella fortezza austriaca dello Spielberg e, in epoca contemporanea, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

L’onomastico

Cade il 21 aprile, giorno in cui la Chiesa commemora un santo martire ad Alessandria.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti