Vito

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/11/2015 Aggiornato il 03/11/2015

Origine e significato del nome Vito

Vito

L’origine e il significato

Come si può facilmente dedurre, Vito significa proprio “pieno di vita”, vitale, energia… Deriva dal nome augurale latino Vitus, a sua volta basato su vita (“vita” anche in italiano moderno). A volte, costituisce un’abbreviazione di nomi medievali, come Bonavita e Bellavita. Il nome è molto diffuso in tutta Italia, ma soprattutto nel Meridione, con punte in Puglia e in Sicilia. Don Vito Corleone è il protagonista del romanzo di Mario Puzo Il Padrino, e dei vari film da esso tratti.

L’onomastico

Vi sono vari santi che portano questo nome e pertanto vi sono più date da festeggiare. Le più comuni sono il 15 giugno, giorno in cui si celebra San Vito, fanciullo martire in Lucania e protettore contro l’epilessia (volgarmente detta “Ballo di san Vito”), il 2 settembre, con San Vito o Guido, abate di Pontida, e il 15 settembre, San Vito, monaco benedettino a Bergamo.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti