Zaccaria

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Zaccaria

Zaccaria

L’origine e il significato

Deriva dal termine ebraico “Zakharyah” che significa “Dio si è ricordato” o anche “memoria di Dio” e veniva un tempo usato per i figli nati dopo che erano stati a lungo attesi. Si tratta di un nome di chiara derivazione biblica: si chiamarono, infatti, così il padre di san Giovanni Battista e l’autore di un libro del Vecchio Testamento, un profeta di stirpe sacerdotale tra i cui meriti si ricorda quello di essersi impegnato per far ricostruire il tempio di Gerusalemme che era stato distrutto dai Babilonesi nel 586 a.C.

L’onomastico

Chi si chiama in questo modo può festeggiare l’onomastico il 15 marzo, giorno in cui la Chiesa ricorda san Zaccaria papa, morto nel 752, oppure il 22 marzo in onore del profeta.

Scopri tutti i nomi maschili per il tuo bambino

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti