Nuovo coronavirus: nessuna trasmissione da mamma a bimbo durante la gravidanza

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 03/03/2020 Aggiornato il 03/03/2020

Per le future mamme che contraggono il nuovo coronavirus in gravidanza arrivano le prime indicazioni dell'Istituto superiore di sanità su come comportarsi. Intanto, però, c’è una prima notizia confortante

Nuovo coronavirus: nessuna trasmissione da mamma a bimbo durante la gravidanza

Nel caso in cui contagi una donna in gravidanza, il nuovo coronavirus (Covid-19) non viene trasferito al feto. A sostenerlo è uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet  guidato da tre ginecologi cinesi, da cui emerge che delle nove donne che hanno contratto l’infezione nell’ultima parte della gravidanza nessuna di loro ha trasmesso la malattia al nascituro.

Dubbi se la gravidanza è all’inizio

Sebbene i casi finora studiati siano pochi, i risultati ottenuti dai primi controlli lasciano sperare che i bebè che sono ancora nella pancia di mamme che contraggono l’infezione nell’ultima parte della gravidanza siano protetti dalla trasmissione del nuovo coronavirus. Gli esperti spiegano però che nuovi dati dovranno essere esaminati per capire cosa accade, per esempio, se a essere contagiata è una futura mamma che si trova all’inizio della gravidanza.

Il cesareo non è necessario

Anche il nostro Istituto superiore di sanità  spiega che “dai primi casi descritti il virus non è stato rilevato nel liquido amniotico o nel sangue neonatale prelevato da cordone ombelicale e nessun neonato nato da madre affetta è risultato positivo al nuovo coronavirus”. Allo stato attuale delle conoscenze, quindi, “per le donne affette non c’è indicazione elettiva al taglio cesareo” e “per quanto riguarda la gestione ospedaliera dei casi sospetti o certi si rimanda a quanto raccomandato per la gestione delle condizioni infettive incluso, qualora necessario, l’isolamento di madre e/o neonato”.

Importante la prevenzione primaria del coronavirus

In assenza di un vaccino contro il nuovo coronavirus Covid-19  e di informazioni più precise e basate su numeri più ampi circa la suscettibilità delle donne incinta alla patologia, “raccomandiamo – conclude l’Iss – le comuni azioni di prevenzione primaria che prevedono l’igiene frequente e accurata delle mani e l’attenzione a evitare il contatto con soggetti malati o sospetti, secondo le raccomandazioni del ministero della Salute e delle istituzioni internazionali”, che vanno ovviamente estese anche alle persone che hanno contatti con le donne in gravidanza.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’Istituto superiore di sanità precisa che secondo le informazioni scientifiche disponibili al momento il nuovo coronavirus responsabile dell’infezione Covid-19 non è stato rilevato finora nel latte materno: è bene dunque che, nel caso in cui la madre sia affetta da Covid-19, l’allattamento debba essere avviato e/o mantenuto (compatibilmente, ovviamente, con le esigenze e i desideri della mamma).

 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti