Ormoni in gravidanza: a cosa servono estrogeni e progesterone?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/09/2014 Aggiornato il 26/09/2014

Estrogeni e progesterone sono due sostanze importantissime per la salute della donna. Ma questi ormoni in gravidanza diventano addirittura indispensabili

Ormoni in gravidanza: a cosa servono estrogeni e progesterone?

Praticamente in tutte le fasi della vita di una donna i livelli ormonali giocano un ruolo fondamentale. A eccezione dell’infanzia, infatti, le altre epoche sono scandite anche dalla produzione ormonale. Inclusa la gestazione. Anzi, gli ormoni in gravidanza raggiungono probabilmente “l’apice” della loro attività. In particolare, giocano un ruolo chiave estrogeni e progesterone. Ecco perché.

Svolgono moltissimi compiti

Gli ormoni in gravidanza vengono prodotti da quattro strutture. Innanzitutto, dal corpo luteo, ossia ciò che rimane del follicolo (l’involucro che contiene la cellula uovo fino al momento della maturazione) dopo che è avvenuta l’ovulazione. In secondo luogo, dalla placenta, l’organo che nutre e ossigena il feto, e dal feto stesso. Infine, dalle ghiandole endocrine della donna.

Esercitano una serie di azioni

– Assicurano il corretto funzionamento di tutti gli organi della mamma;

– garantiscono il buon proseguimento della gestazione;

– permettono l’accrescimento del feto;

– proteggono il bebè dalle aggressioni.

I più attivi nei nove mesi

I principali ormoni in gravidanza sono estrogeni e progesterone. Basti pensare che in un solo giorno una donna incinta sintetizza tanti estrogeni (ormoni sessuali) quanti ne rilascia in tre anni una donna che non aspetta un bambino.

Gli estrogeni

Gli estrogeni sono ormoni sessuali femminili che normalmente svolgono varie funzioni. In gravidanza vengono prodotti in grandi quantità perché assolvono a diversi compiti essenziali. In primo luogo, è anche grazie a loro che il feto riceve tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno per crescere. Infatti, aumentano la velocità del flusso sanguigno nella placenta.  Non solo. Sono anche “amici” dell’allattamento al seno. Nel corso dei nove mesi si occupano di incrementare la componente adiposa nel seno e di formare i dotti galattofori, i canalini che portano il latte al capezzolo.

Il progesterone

Si tratta di un altro ormone sessuale prodotto dal corpo femminile, i cui livelli aumentano nel corso della dolce attesa. Del resto, serve fin dalle primissime fasi. Infatti, interrompe il ciclo mestruale e previene gli aborti spontanei precoci. In che modo? Impedisce che il corpo della mamma consideri il feto come elemento estraneo e lo rigetti. Inoltre, prepara la mucosa che ricopre internamente l’utero, chiamata endometrio, all’impianto dell’uovo fecondato. Ma i suoi compiti non finiscono qui. Il progesterone permette all’utero di crescere di pari passo al bambino. E favorisce l’aumento del seno, agendo in due modi distinti: da un lato dilata i vasi sanguigni, accrescendo l’afflusso di sangue alla zona, dall’altro stimola lo sviluppo dei lobuli, le piccole strutture in cui è suddivisa la mammella. 

In breve

EFFETTI ANCHE NEGATIVI

Per quanto indispensabili, gli ormoni in gravidanza sono anche responsabili di effetti poco piacevoli. Infatti, sono proprio le variazioni ormonali a causare gran parte dei disturbi tipici dei nove mesi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti