Ormoni in gravidanza: quali sono e come agiscono

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/06/2014 Aggiornato il 26/06/2014

Gli ormoni in gravidanza “stravolgono” l’organismo femminile. Ecco a cosa servono e gli effetti collaterali

Ormoni in gravidanza: quali sono e come agiscono

Gli ormoni in gravidanza sono numerosissimi. Infatti, le ghiandole endocrine della donna, il corpo luteo, cioè quello che rimane del follicolo dopo che è avvenuta l’ovulazione, la placenta e il feto stesso sono tutti impegnati proprio nella produzione di ormoni in gravidanza. Basti pensare che in un solo giorno una donna incinta sintetizza tanti estrogeni quanti ne rilascia in tre anni una donna che non aspetta un bambino.

Gonadotropina corionica o hcg

È un ormone che viene rilasciato esclusivamente in gravidanza. Inizia a essere prodotto a partire dal giorno seguente all’impianto dell’embrione nell’utero. Si ricerca questo ormone, nel sangue o nelle urine, per sapere se si è incinta. Ha l’importante funzione di mantenere in vita il corpo luteo, che dopo la fecondazione funziona come una ghiandola, producendo ormoni (soprattutto progesterone). Dopo il primo trimestre, il livello di Hcg diminuisce: la placenta, infatti, produce ormai una quantità sufficiente di ormoni, quindi, può sostituire progressivamente il corpo luteo.

Estrogeni

Gli estrogeni sono ormoni sessuali femminili prodotti in abbondanza in gravidanza. Agiscono aumentando la velocità del flusso sanguigno nella placenta, assicurando così un corretto apporto di sostanze nutritive al feto. Inoltre, incrementano l’accumulo di grasso nel seno, fondamentale per la futura alimentazione del bambino, e favoriscono la formazione dei dotti galattofori, i canalini che portano il latte al capezzolo (e che matureranno con il passare del tempo).

Progesterone

Anch’esso è un ormone sessuale femminile che durante la gestazione è prodotto in maggiori quantità. Prepara l’endometrio, cioè la mucosa interna dell’utero, all’impianto dell’uovo fecondato. Inoltre, interrompe il ciclo mestruale e impedisce che il feto sia considerato estraneo dal corpo della futura mamma e, quindi, sia rigettato. Di fatto, dunque, previene gli aborti spontanei e conserva la gestazione. Il progesterone stimola anche lo sviluppo dell’utero, che così può crescere insieme al feto, e l’aumento del seno: infatti, accresce sia i lobuli, le piccole strutture in cui è suddivisa la mammella, sia l’afflusso di sangue nella zona (attraverso una dilatazione dei vasi sanguigni).

Ossitocina

Fra gli ormoni dell’attesa c’è anche l’ossitocina. È importantissima perché mantiene la cervice ben chiusa per i primi due trimestri. Ma è essenziale anche durante il parto. Infatti, favorisce la contrazione dell’utero durante il travaglio.

Prolattina

La prolattina viene prodotta soprattutto durante la gravidanza. Infatti, ha lo scopo di preparare il seno all’allattamento e, dopo il parto, di stimolare la produzione e il mantenimento del latte materno. È sintetizzata dalle cellule lattotrope, situate nell’ipofisi (una ghiandola alla base del cervello).

Relaxina

È un ormone che allenta i muscoli, per preparare la schiena all’elasticità necessaria all’espulsione del bambino durante il parto. Questo è uno dei motivi per cui, spesso, la gestante soffre di mal di schiena: i muscoli di questa zona sono più sensibili. 

In breve

PRO E CONTRO

Gli ormoni hanno il compito di promuovere quelle trasformazioni necessarie per creare un ambiente ideale per la gravidanza. Tuttavia, queste stesse variazioni ormonali sono anche responsabili di gran parte dei disturbi che compaiono durante i nove mesi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti