Paracetamolo in gravidanza: è sicuro o è pericoloso per il bebè?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 25/11/2022 Aggiornato il 25/11/2022

Il paracetamolo è considerato il farmaco più sicuro in gravidanza, ma secondo un nuovo studio potrebbe causare problemi di sonno e attenzione nei bambini: va quindi usato sempre con cautela e solo se prescritto dal medico

donna in gravidanza prende una pastiglia di paracetamolo

Lombalgia, cefalea, mal di denti, influenza: sono solo alcuni dei disturbi che possono comparire durante la gravidanza. La gestazione, infatti, non è immune dalla comparsa di dolori di vario tipo. Purtroppo, però, nei nove mesi molti farmaci sono controindicati per i possibili effetti collaterali sul feto. Uno dei medicinali considerati più sicuri nelle donne incinte è il paracetamolo, analgesico e antipiretico. Tuttavia, secondo un nuovo studio, i bambini nati da donne che ne hanno fatto uso durante la gravidanza potrebbero avere problemi di sonno e di sviluppo mentale. È davvero così? Cerchiamo di fare chiarezza.

Quali antidolorifici si possono prendere in gravidanza?

Per quanto magica e speciale possa essere, la gravidanza non è certo priva di disturbi e malattie. Anche le donne incinte possono sviluppare problemi di vario tipo, e non di rado proprio a causa della loro particolare condizione. A oggi, il farmaco considerato più sicuro per trattare dolori, infiammazioni e febbre durante i nove mesi è il paracetamolo, che in linea di massima è controindicato solo nelle donne che presentino un’allergia al principio attivo. In ogni caso, è importante che la futura mamma consulti sempre il medico prima di prendere un farmaco, anche se si tratta di prodotti da banco che non richiedono la prescrizione, e che ricorra alle cure farmacologiche solo se strettamente necessario, così da ridurre al minimo i rischi per il bebè. Comunque, il paracetamolo è sempre stato ritenuto il principio attivo più sicuro della categoria analgesici e antinfiammatori.

Quanto paracetamolo si può assumere in gravidanza?

A scopo precauzionale, gli esperti suggeriscono di usare il paracetamolo  in gravidanza solo in caso di bisogno, alla minor dose efficace e per il minor tempo possibile, e solo occasionalmente. Alcuni recenti studi, però, ne hanno messo in discussione la sicurezza.
L’ultimo è quello condotto da un’équipe di ricercatori statunitensi, che hanno valutato 2.423 mamme. Tutte sono state invitate a rispondere a delle domande sull’uso di paracetamolo durante la gravidanza e a compilare a un questionario – il Child Behaviour Checklist (CBCL) – riguardante bambini di età compresa tra 1 e 5 anni. Dall’analisi dei risultati è emerso che i figli delle donne che avevano fatto ricorso al farmaco nel corso della gravidanza rispetto a quelli delle donne che non l’avevano impiegato riportavano punteggi più alti su 2 delle 7 scale della sindrome CBCL, soffrendo di disturbi di attenzione e problemi di sonno. La ricerca però, essendo di natura osservazionale, non ha dimostrato alcun rapporto di causa-effetto: non è detto cioè che sia il paracetamolo ad aver causato i problemi nei bambini. 

“Il paracetamolo è uno dei pochi farmaci relativamente sicuri per il trattamento del dolore in gravidanza. Inoltre, stiamo costantemente rivalutando la sicurezza dei nostri farmaci e il paracetamolo non fa eccezione” ha commentato il dottor Ian Musgrave, professore alla Facoltà di Medicina, Scuola di Scienze della Medicina all’Università di Adelaide.

 

 

 
 
 

In sintesi

Come alleviare il dolore in gravidanza?

Se la donna incinta soffre di dolori dovrebbe parlarne con il medico, che potrebbe consigliare diverse soluzioni a seconda dei casi.

Cosa si può prendere per il mal di testa in gravidanza?

Il farmaco più usato per trattare la cefalea e gli altri dolori in gestazione è il paracetamolo.

 

Fonti / Bibliografia

  • Maternal use of acetaminophen during pregnancy and neurobehavioral problems in offspring at 3 years: A prospective cohort study | PLOS ONEBackground Acetaminophen is one of the most commonly used drugs during pregnancy globally. Recent studies have reported associations between prenatal exposure to acetaminophen and neurobehavioral problems in children, including attention-deficit hyperactivity disorders. Little research has investigated these associations in preschool-age children or the potential confounding effects of prenatal stress. The purpose of this study was to examine associations between prenatal acetaminophen exposure and offspring neurobehavioral problems at the age of 3 years, with a focus on the potentially confounding effects of prenatal stress. Methods We used data from the First Baby Study, a prospective cohort study conducted in Pennsylvania, USA, with 2,423 mother-child pairs. Women reported medication use and completed a prenatal stress inventory during their third trimester. Child behavioral problems were measured at the age of 3 years, using the 7 syndrome scale scores from the Child Behavior Che...
  • Child Behavior Checklist Scores for School-Aged Children with Autism: Preliminary Evidence of Patterns Suggesting the Need for Referral - PMCThe Child Behavior Checklist (CBCL) is a widely used questionnaire to assess behavioral and emotional problems. It is often used as a diagnostic screener, but autism spectrum disorders (ASD) are not included in the CBCL for school-aged children. This ...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti