Parlare al bambino nel pancione? Sfatato un mito

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 07/06/2018 Aggiornato il 01/08/2018

Parlare al bambino nel pancione non serve. Messo a punto un dispositivo vaginale per far arrivare musica e suoni direttamente al feto

Parlare al bambino nel pancione? Sfatato un mito

Cantargli una ninna nanna, fargli sentire la voce di mamma e papà, raccontargli una fiaba: tutto inutile. Parlare al bambino nel pancione è un falso mito. I feti riescono a malapena a sentire il rumore che proviene dall’esterno. È quanto sostiene uno studio dell’Istituto Karolinska e dell’Università di Stoccolma.

Il nuovo dispositivo

Affinché il feto possa percepire con la massima intensità il suono è stato ideato un dispositivo che  emette onde sonore fino a un massimo di 54 decibel (il livello di una normale conversazione) che trasmette musica per via intravaginale: posizionato come se fosse un tampone e collegato al cellulare, l’apparecchio è sicuro per la madre e per il bambino.

Trasmessa musica di Bach

Nel corso dell’esperimento, il team di ricercatori ha osservato attraverso ecografia la reazione del feto all’ascolto della musica di Bach emessa sia per via addominale sia vaginale. In quest’ultimo caso, l’87% dei feti ha reagito con movimenti di testa e arti, bocca e lingua, cessati all’interrompersi della musica. Inoltre, con la musica trasmessa per via vaginale, circa il 50% dei feti ha reagito aprendo le mascelle e tirando fuori la lingua.

Dalla 16a settimana

Sistemando, invece, delle cuffie che emettono musica con un volume medio di 98,6 decibel sull’addome della donna non sono stati osservati cambiamenti nelle espressioni facciali del feto. Gli scienziati hanno così dimostrato che parlare al bambino nel pancione è inutile: i feti possono sentire dalla 16a settimana solo se il suono proviene direttamente dalla vagina.

Conferma dalle ecografie

Gli autori hanno spiegato che, oltre a rendere possibile la comunicazione con il feto, il dispositivo ha applicazioni mediche importanti: facilita le ecografie poiché, provocando una reazione nel bambino, migliora la visione delle strutture fetali durante l’esame. Inoltre, con questo sistema è possibile stimolare il feto neurologicamente: la stimolazione sensoriale è importante e può iniziare quanto prima possibile. La musica, infatti, attiva l’apprendimento delle lingue(), che può iniziare già nel grembo materno.

Da sapere!

Approvato dalla FDA americana, l’apparecchio è disponibile online in tutto il mondo in modo: le future mamme possano usarlo a casa.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti