Anestesia generale per partorire

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/01/2015 Aggiornato il 09/02/2015

Viene eseguita ormai solo in casi selezionati, come per un cesareo d'urgenza o per particolari problemi organici della donna

Anestesia generale per partorire

Con questo tipo di anestesia la futura mamma viene completamente addormentata, quindi non può assistere alla nascita del bambino. Inoltre, il taglio della ferita e lo smaltimento del farmaco rallentano la ripresa della donna che per i primi giorni dopo l’intervento non è, in genere, in condizione di accudire il bebè. È indicata per i cesarei d’urgenza e quando la partoriente soffre di problemi di coagulazione del sangue o alla schiena che non rendono possibile il ricorso alla spinale o all’epidurale.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti