Anestesia spinale durante il parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

È l'anestesia che viene eseguita in occasione del parto cesareo e lascia la donna completamente sveglia, ma insensibile dal bacino in giù

Anestesia spinale durante il parto

È eseguita, di solito, in caso di parto cesareo, iniettando una piccola dose di anestetico all’interno della colonna vertebrale (circa all’altezza della terza e quarta vertebra), attraverso un ago sottilissimo. Si bloccano, così, gli stimoli che dai nervi vanno al cervello: in questo modo il dolore non viene percepito. Ha effetto dopo circa 5 minuti e la mamma rimane sveglia, ma leggermente sedata. Inoltre, le viene ridotta la sensibilità dal bacino in giù, per consentire di effettuare in modo assolutamente indolore il taglio cesareo. In sala parto ha sostituito l’anestesia generale, in quanto consente una più rapida ripresa fisica della donna e ha meno effetti collaterali.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti