Avere il bacino stretto rende più difficile il parto?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/07/2013 Aggiornato il 29/07/2013

Molte donne si chiedono se avere il bacino stretto possa rendere più difficile il parto. La risposta è: non necessariamente

Avere il bacino stretto rende più difficile il parto?

Se la mamma ha il bacino stretto non è necessariamente detto che il parto sarà più difficoltoso. Infatti, è tutta una questione di proporzioni tra le dimensioni del bacino della donna e quelle della testa del piccolo. Solo se il capo del bimbo è troppo grande rispetto alla pelvi della partoriente, allora possono nascere complicazioni durante il parto.

Le convinzioni da smentire

Esistono alcune false convinzioni che, complice il passaparola tra mamme, si sono diffuse negli anni causando confusione. Meglio, dunque, fare un po’ di chiarezza. Innanzitutto, non è vero che le donne con il bacino stretto non possono partorire naturalmente e devono optare sempre e comunque per il parto cesareo. In secondo luogo, non è detto che una donna magra e longilinea abbia un bacino stretto al punto da ostacolare la discesa del piccolo durante il parto. Infine, non sempre il bacino è stretto come sembra: si tratta di una struttura anatomica complessa, con un’architettura interna altrettanto articolata, fatta da ossa, ma anche da cavità e cartilagini. Proprio queste ultime, che congiungono le ossa, sono più adattabili e flessibili di quanto si creda.

Se le difficoltà impongono il cesareo

Se durante il travaglio, il piccolo non riesce a scendere attraverso il canale del parto a causa della pelvi troppo stretta, per evitare rischi, solitamente si opta per il parto cesareo. Il parto cesareo, quindi, è un’opzione possibile in caso di bacino stretto, ma non una conseguenza necessaria. L’unica circostanza in cui il parto cesareo non si può evitare è rappresentata dalla sproporzione cefalo-pelvica. Si tratta di un’eventualità rara che si verifica quando la testa del bimbo è troppo larga rispetto al bacino della mamma e, di conseguenza, non riesce ad attraversarne la pelvi.

In breve

DIFFICILE DA SCOPRIRE IN ANTICIPO

Il ginecologo può verificare le dimensioni della pelvi della mamma attraverso l’ecografia e l’esplorazione vaginale, ma diagnosticare con largo anticipo le eventuali difficoltà durante il parto in caso di bacino stretto è difficile.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti