Bimbo podalico: il rivolgimento per manovre esterne lo aiuta a fare la “capriola”

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/07/2013 Aggiornato il 11/07/2013

  Se il termine della gravidanza si avvicina e il bimbo è podalico, il ginecologo può cercare di farlo girare attraverso il rivolgimento per manovre esterne

Bimbo podalico: il rivolgimento per manovre esterne lo aiuta a fare la “capriola”

 

Non è affatto raro che verso la fine dei nove mesi il bimbo sia podalico, ossia con le gambe o il sederino rivolti verso il canale del parto, cioè le strutture che il piccolo deve attraversare per nascere. In questi casi, il ginecologo può cercare di far girare il bimbo podalico, ricorrendo al rivolgimento per manovre esterne.

Se non è girato di testa

La posizione più adatta per il parto naturale vaginale è quella cefalica: il bebè è posizionato con il capo verso il basso e la testa è la prima parte che fuoriesce al momento della nascita. Infatti, è quella più sicura per la mamma e il suo bambino. Quando il bimbo è podalico, invece, ci possono essere più rischi, per questo se i controlli del terzo trimestre indicano che la posizione del feto è questa, spesso si programma un taglio cesareo.

Si esegue in ospedale

Prima che la gravidanza giunga al termine si può cercare di far girare il bebè podalico attraverso il rivolgimento per manovre esterne. In pratica, il ginecologo manipola esternamente l’addome della mamma, esercitando alcune pressioni, in modo da spingere delicatamente la testa del piccolo verso il basso e da indurlo a ruotare in posizione cefalica. La procedura viene eseguita in ospedale, sotto controllo ecografico e dopo somministrazione di farmaci in grado di bloccare per qualche ora le contrazioni.

Le complicazioni sono rare

Solitamente, il rivolgimento per manovre esterne viene eseguito intorno alle 36-37 settimane. A quel punto, infatti, è difficile che il piccolo si giri spontaneamente. In alcuni casi non può essere effettuato, per esempio se la mamma soffre di placenta previa (la placenta copre l’orifizio uterino) o se ha subito un cesareo. Le complicazioni sono rare e, comunque, possono essere affrontate con un taglio cesareo d’urgenza (ecco perché la manovra si esegue in ospedale). La manovra ha successo nel 50-70% dei casi. 

In breve

BATTITO SOTTO CONTROLLO

Prima, durante e dopo il rivolgimento per manovre esterne viene effettuato un monitoraggio cardiotocografico, per controllare il battito cardiaco fetale. Se il bebè resta podalico, si deciderà con il ginecologo come procedere.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbi sul risultato dell’isterosalpingografia

28/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Quello che conta più di tutto è che l'isterosalpingografia appuri la pervietà delle tube.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti