Calcolo data parto: così è più preciso

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/12/2015 Aggiornato il 18/12/2015

Pare che un semplice test con una sonda a ultrasuoni riesca a determinare la data di nascita con molta precisione, senza alcun effetto collaterale

Calcolo data parto: così è più preciso

Uno studio condotto dal professor Vincenzo Berghella, della Thomas Jefferson University di Philadelphia in Pennsylvania, dimostra la possibilità di prevedere in modo ancor più preciso il momento della nascita del bebè. La data del parto così potrebbe diventare meno un imprevisto.

Serve una sonda a ultrasuoni

Grazie a una sonda a ultrasuoni sarà possibile misurare la lunghezza della cervice uterina, cioè la parte terminale dell’utero, determinando così il giorno del lieto evento. Questa pratica era già utilizzata sulle puerpere che potevano presentare il rischio di un parto prematuro, ma con i dovuti accorgimenti è stata applicata con successo anche alle gestanti che non presentavano problematiche durante la gravidanza.

La chiave è la lunghezza della cervice

I dati della ricerca, pubblicati dal British Journal of Obstetrics and Gynaecology, hanno evidenziato che la misurazione della cervice tramite la sonda è utile anche oltre i tradizionali 9 mesi di gestazione. La cervice, infatti, normalmente misura da 3 a 5 centimetri.

Se a termine supera i 3 cm, il parto è lontano

Quindi, se in prossimità del parto il collo dell’utero ancora supera i 3 centimetri, la gestante non sarebbe ancora pronta a partorire. Più esattamente, il rischio di parto nella settimana successiva è sotto il 40%. In questo caso, essendo la cervice ancora lunga, indurre la futura mamma al parto potrebbe essere più difficoltoso, e sarebbe preferibile eventualmente programmare un parto cesareo per evitare eventuali complicanze alla mamma e al bambino.

Se meno di un cm, la nascita è vicina

Lo studio ha inoltre evidenziato che se durante la gravidanza la lunghezza della cervice uterina è meno di 1 centimetro, esiste l’85% di possibilità che il parto avvenga nei sette giorni successivi. Conoscere con esattezza la data presunta del parto condiziona notevolmente la fase della preparazione alla nascita, cadenzando ed effettuando tutte le procedure nel momento più opportuno, come per esempio i monitoraggi necessari e l’induzione delle contrazioni (per le future madri oltre-termine).

Per consultare la pubblicazione, clicca qui

PER IL CALCOLO CLASSICO DELLA DATA DEL PARTO, GUARDA IL CALENDARIO 

I

 
 
 

In breve

UN AIUTO PER IL PARTO

Lo studio dimostra l’efficacia di una sonda che, attraverso la misurazione della lunghezza della cervice uterina delle donne in gravidanza, è in grado di far prevedere ai medici la data di nascita del bambino con maggior precisione e sicurezza

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti