Partorire in casa maternità

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/01/2015 Aggiornato il 24/02/2015

Le Case maternità sono delle strutture gestite da ostetriche che assomigliano a degli appartamenti, grazie all’arredamento accogliente e funzionale

Partorire in casa maternità

Queste Case accolgono le future mamme, dando loro la possibilità di svolgere i corsi preparto, imparare le tecniche di rilassamento e di realizzare dei gruppi di condivisione: le mamme possono chiacchierare e scambiarsi opinioni, condividendo le naturali paure che si hanno prima del parto. Le gestanti possono scegliere di partorire all’interno della Casa di maternità, grazie all’assistenza delle ostetriche, scegliendo il tipo di parto che desiderano (in acqua, sullo sgabello, accovacciate, ecc). Il travaglio si svolge in stanze dal clima rilassante e disteso, con musica ed aromi profumati. Una volta che il bebè è nato, alla neomamma vengono date delle utili indicazioni sul puerperio e l’ostetrica, durante i primi giorni del bambino, visita a domicilio il neonato. Le ostetriche, su richiesta, sono disponibili anche ad aiutare la mamma a partorire in casa (se la gravidanza lo consente).

Le Case del parto sono ancora pochissime in Italia e sono a pagamento (per partorire in sede si paga circa 2700 euro).

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti