Partorire in casa maternità

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/01/2015 Aggiornato il 24/02/2015

Le Case maternità sono delle strutture gestite da ostetriche che assomigliano a degli appartamenti, grazie all’arredamento accogliente e funzionale

Partorire in casa maternità

Queste Case accolgono le future mamme, dando loro la possibilità di svolgere i corsi preparto, imparare le tecniche di rilassamento e di realizzare dei gruppi di condivisione: le mamme possono chiacchierare e scambiarsi opinioni, condividendo le naturali paure che si hanno prima del parto. Le gestanti possono scegliere di partorire all’interno della Casa di maternità, grazie all’assistenza delle ostetriche, scegliendo il tipo di parto che desiderano (in acqua, sullo sgabello, accovacciate, ecc). Il travaglio si svolge in stanze dal clima rilassante e disteso, con musica ed aromi profumati. Una volta che il bebè è nato, alla neomamma vengono date delle utili indicazioni sul puerperio e l’ostetrica, durante i primi giorni del bambino, visita a domicilio il neonato. Le ostetriche, su richiesta, sono disponibili anche ad aiutare la mamma a partorire in casa (se la gravidanza lo consente).

Le Case del parto sono ancora pochissime in Italia e sono a pagamento (per partorire in sede si paga circa 2700 euro).

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti