C’è un legame tra clamidia e parto prematuro

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/10/2013 Aggiornato il 14/10/2013

L’infezione da clamidia aumenta il rischio di nascite premature e di aborti, in aggiunta a quello già noto di sterilità e dolori pelvici

C’è un legame tra clamidia e parto prematuro

Rischio nascite a causa della clamidia, malattia sessualmente trasmissibile. A sostenerlo è uno studio condotto dalla Scuola di sanità pubblica e medicina comunitaria dell’Università del Nuovo Galles del Sud. La clamidia, che in Paesi come l’Australia è diventata la più comune infezione trasmessa per via sessuale, specie fra i giovani, aumenta il rischio di nascite premature e di parti di feto morto, in aggiunta ai rischi conosciuti di sterilità e dolori pelvici.  Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Sexually Transmitted Infections, ha preso in esame oltre 350mila nascite.

Un rischio da non sottovalutare

Secondo la professoressa Bette Liu, che ha condotto la ricerca, “ a oltre l’80% delle donne era stata diagnosticata un’infezione da clamidia o gonorrea ed erano state sottoposte a trattamento prima del concepimento”. Peggiorano le condizioni di rischio anche lo svantaggio sociale, l’età, il fumo, la razza, il diabete o l’ipertensione”.

Serve più informazione

 “I risultati non dimostrano un rapporto diretto di causa-effetto, sottolinea la professoressa Bette Liu -, ma indicano la necessità di migliorare l’informazione. Le donne devono essere consapevoli che vi possono essere implicazioni per future gravidanze. Certamente, si conferma il messaggio diretto ai giovani sull’importanza di pratiche sessuali sicure e dell’uso del preservativo”.

In breve

UN’INFEZIONE MOLTO SUBDOLA

L’infezione da clamidia è molto comune tra gli adulti giovani e gli adolescenti. Tuttavia molte persone non sanno di averla, poiché spesso è asintomatica. Infatti, circa il 75% delle donne infette e metà degli uomini infetti non hanno disturbi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti