Cesareo: i bimbi rischiano l’obesità?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/10/2016 Aggiornato il 18/10/2016

Il rischio di diventare obesi sarebbe maggiore del 15% nei bambini nati da parto cesareo e permane fino all’età adulta. Ecco perché

Cesareo: i bimbi rischiano l’obesità?

I bambini nati con parto cesareo hanno un maggior rischio di diventare obesi. La probabilità aumenterebbe del 15%: è quanto sostengono ricercatori della Harvard T.H. Chan School of Public Health (Stati Uniti). Dal loro studio è emerso anche che, all’interno di una stessa famiglia, i nati con l’intervento hanno una probabilità di diventare obesi maggiore del 64% rispetto ai fratelli nati per via vaginale. Inoltre, i figli di donne già sottoposte a cesareo e nati con parto naturale hanno una probabilità di diventare obesi inferiore del 31% rispetto a quella di bambini nati con cesareo dopo altri cesarei.

Esaminati 22.000 giovani

Lo studio è stato condotto su circa 22mila giovani che sono stati seguiti per 16 anni. I risultati sono stati incrociati poi con i fattori in grado di influenzare l’obesità futura, come l’indice di massa corporea della mamma prima della gravidanza, le abitudini al fumo e l’età. Gli autori suggeriscono un ruolo chiave dei microrganismi gastrointestinali che colonizzano l’intestino del bambino a partire dalla nascita.  Una revisione di 15 studi che hanno coinvolto più di 38mila soggetti di 10 Paesi, apparsa sulla rivista Plos One, conferma che alla base del rischio obesità per i nati con il cesareo ci siano diversi batteri interstinali che influiscono sul metabolismo.

Solo quando serve davvero

Gli esperti ricordano che le indicazioni assolute al parto cesareo elettivo (programmato) comprendono tutte le situazioni in cui non è possibile procedere per via vaginale, come presenza di placenta previa, presentazione podalica del feto o altre malposizioni. Per una mamma che ha partorito con cesareo, il rischio di dover ricorrere a un altro cesareo aumenta del 50%. Anche durante il travaglio possono verificarsi condizioni improvvise che ne impongono comunque il ricorso (cesareo d’urgenza), come sofferenza fetale, travaglio lento, distocia cervicale (mancata dilatazione del collo uterino). Altre condizioni impongono tempi di risposta ancora più rapidi (cesareo d’emergenza): rottura dell’utero, distacco di placenta, prolasso del funicolo, sofferenza fetale grave in fase espulsiva. 

 

 

 
 
 

da sapere!

In Italia si fanno troppi cesarei. Secondo i dati del nono Rapporto sull’evento nascita, quasi 4 bambini su 10 nascono con un intervento chirurgico. I numeri sono in crescita.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti