Concepimento: taglio cesareo, secondo figlio più difficile?

Chiara Di Paola A cura di Chiara Di Paola Pubblicato il 22/03/2022 Aggiornato il 22/03/2022

In base ai risultati di recenti studi, sembra che partorire con il taglio cesareo possa influire negativamente sulla fertilità e un futuro concepimento

Concepimento: taglio cesareo, secondo figlio più difficile?

Secondo un recente studio pubblicato su “JAMA Network Open”, il modo in cui è stato messo al mondo il primo figlio condiziona la futura fertilità delle donne. Infatti, le primipare che hanno subito un taglio cesareo sembrano avere più problemi di concepimento nei tre anni successivi rispetto a quelle che hanno avuto un parto naturale. Le ragioni possono essere diverse e conoscerle è il primo passo per mettere in atto le strategie più adatte per riuscire a ripetere l’esperienza della dolce attesa, in salute e in sicurezza. 

Quante donne fanno il cesareo?

In tutto il mondo il numero di nascite che avvengono per via non naturale è in costante aumento, con un tasso di cesarei che varia da Paese a Paese e che in Italia si aggira attorno al 35%, quindi più alto che nel resto d’Europa. Le cause sono diverse. Oltre alla necessità di programmare i parti nei centri ospedalieri privi di un servizio interno di pediatria neonatologica o con personale insufficiente, e di evitare complicanze legate soprattutto all’aumentata età media delle partorienti, il crescente ricorso al bisturi è spesso frutto di una richiesta esplicita delle donne, che temono la paura del dolore del parto naturale, soprattutto se ne hanno avuto uno traumatico in precedenza.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms)  solo il 10-15% dei cesarei è giustificabile con l’esigenza di evitare complicanze e rischi per mamma e bebè, eppure – stando alle statistiche internazionali – a livello globale in media 1 bambino su 5 nasce con intervento chirurgico, soprattutto nei Paesi più ricchi.

Quando fa male il cesareo?

Il cesareo è un vero e proprio intervento, che come ogni altra procedura chirurgica non è esente da possibili complicanze. Tra queste c’è l’eventualità di alcune reazioni dell’organismo che potrebbero rendere le donne meno fertili o comunque allungare il tempo necessario prima di un secondo concepimento. Secondo un recente studio condotto dal Penn State College of Medicine (Usa) e pubblicato su “JAMA Network Open”, le primipare (ossia le donne al primo figlio) che partoriscono con un cesareo hanno il 15% in meno di probabilità di avere un secondo figlio nei tre anni successivi rispetto alle donne che partoriscono con parto naturale. 

Le ragioni per cui dopo un parto cesareo risulta più complicato iniziare un’altra gravidanza possono essere diverse. Secondo i ricercatori della Pennsylvania State University assieme a un maggiore rischio di infezioni, bisogna considerare anche che aprire e richiudere chirurgicamente l’utero implica la formazione di una cicatrice e aumenta il rischio di aderenze pelviche, istmocele (un’alterazione del rivestimento delle pareti uterine, simile a un’ernia o a un diverticolo), endometriosi (diffusione dell’endometrio fuori dall’utero, di cui normalmente riveste le pareti) e altre complicanze che potrebbero compromettere in qualche misura la capacità di concepire. Da non trascurare neppure il fattore “età” e quello “psicologico”, che possono rendere più difficile per la donna iniziare una nuova gravidanza. Insomma, sono parecchi i fattori che possono incidere sul concepimento dopo un taglio cesareo.

 Che cosa fare se il secondo figlio non arriva?

Gli eventi successivi a un taglio cesareo sono all’origine di fattori uterini e tubarici determinanti per la cosiddetta “infertilità secondaria” che rendono difficile il concepimento del secodo figlio. Infatti, la formazione della cicatrice modifica la struttura naturale dell’utero e aumenta il rischio di eventuali aderenze o endometriosi, che possono compromettere il corretto funzionamento delle tube di Falloppio, indurre il rilascio di fattori che influiscono negativamente sulla qualità degli ovociti o ostacolare il processo di fecondazione, l’annidamento e lo sviluppo dell’embrione.
L’ostruzione delle tube di Falloppio (idrosalpinge) da parte del tessuto cicatriziale o dell’endometrio “fuori sede” dovuto all’endometriosi, provoca l’accumulo di liquido tossico all’interno delle tube che può influire negativamente sulla fecondazione dell’ovocita da parte dello spermatozoo e impedire l’impianto dell’embrione e lo sviluppo del feto. Lo stesso accade in caso si sviluppino polipi o fibromi adesi alla parete dell’utero. 

Si parla di infertilità secondaria quando dopo il primo figlio la seconda gravidanza non arriva nonostante la coppia faccia tentativi continuativi da almeno 6 mesi. Per trattare questa condizione esistono molti approcci, da valutare a seconda delle cause. Il primo e più semplice è modificare positivamente lo stile di vita (evitare alcol e fumo, curare l’alimentazione, controllare il peso e lo stress), soprattutto della donna “over 35”. In più è necessario che l’aspirante mamma-bis si sottoponga agli esami consigliati dal medico, per cercare di individuare e risolvere le cause del mancato concepimento o valutare il ricorso a farmaci per stimolare l’ovulazione o tecniche di fecondazione medicalmente assistita.

Il consiglio è di consultare un medico specialista in fisiopatologia della riproduzione umana o rivolgersi a un centro per la fertilità per ottenere il supporto necessario e programmare eventuali terapie da seguire per riuscire a espandere la famiglia. 

 

 

 

 
 
 

In sintesi

Quando bisogna aspettare per una gravidanza dopo il cesareo?

In generale dopo un taglio cesareo i ginecologi consigliano di aspettare almeno 6-10 mesi prima di programmare il concepimento, per dare il tempo alle pareti dell’utero di ripararsi completamente dalla lesione subita e di essere pronto a dilatarsi nuovamente per accogliere un altro bambino, riducendo il rischio di complicanze. Subentra così il fattore tempo, che per le donne dopo i 30 anni riduce significativamente le probabilità di avere un altro bambino. 

 Cosa succede dopo il parto cesareo?

Per molte donne, specialmente se alla prima gravidanza, il parto cesareo può rappresentare un evento traumatico, soprattutto se la ripresa è stata dolorosa o complessa. Per questo spesso sentono il bisogno di aspettare un po’ di tempo prima di diventare di nuovo mamme ed eventualmente affrontare di nuovo l’esperienza del parto chirurgico.

Affinché la donna non sia scoraggiata dall’intraprendere una nuova gravidanza dalla paura di un secondo parto doloroso, di complicanze causate da più tagli cesarei e di una convalescenza lunga che renda difficile accudire il neonato, è importante che il personale sanitario la rassicuri, le fornisca tutte le informazioni sulle eventuali ulteriori gravidanze e la orienti sulle prospettive possibili per il nuovo parto. 

 Quante volte si può fare il taglio cesareo?

A molte donne capita di dover subire più cesarei consecutivi. Infatti, quando il parto spontaneo non è praticabile, la procedura chirurgica resta l’unica opzione possibile e può essere ripetuta più volte, purché si prendano le dovute precauzioni. In ogni caso, per non correre rischi, è bene informarsi con il proprio ginecologo in merito ai possibili svantaggi di ulteriori cesarei, che aumentano il rischio di patologie cicatriziali o rottura dell’utero se le gravidanze sono troppo ravvicinate. In generale comunque si consiglia di evitare troppi tagli cesarei, limitandosi a due o tre e solo se assolutamente necessario.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti