Preparare il perineo prima del travaglio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/01/2015 Aggiornato il 23/01/2015

Il perineo ha un ruolo importantissimo in gravidanza e soprattutto al momento del parto. Occorrono esercizi specifici e cure per rinforzarlo

Preparare il perineo prima del travaglio

È piuttosto difficile illustrare in maniera generica quali esercizi siano più adatti per ogni singola donna che arriva alla gravidanza con un suo specifico tono muscolare e forza perineale e con una sua storia posturale, minzionale, sessuologica e dell’alvo che ne potrebbe aver alterato alcuni parametri. La cosa migliore sarebbe poter valutare o fornire criteri di autovalutazione alla futura mamma e solo in seguito indicare esercizi specifici idonei. Sarebbe anche molto importante in sede di valutazione accetarsi che la donna impari a eseguirli correttamente. In generale potremmo consigliare alla mamma di scegliere dei corsi pre parto dove vengano anche date indicazioni per gli esercizi di kegel (esercizi di contrazione perineale).

È importante che le contrazioni perineali vengano seguite sempre da momenti di rilassamento completo in posizioni che lo permettano (antigravitarie-semisupine, di fianco ecc) ed è bene sconsigliare fortemente l’utilizzo dello stop pipì (interruzione del flusso di pipì come esercizio di rinforzo) pur rimanendo un facile sistema per individuare e localizzare il muscolo e per farne una sommaria autovalutazione.

Creme e oli ammorbidenti possono aver una loro funzione e se ne incoraggiano l’uso 15 giorni prima del parto con leggero massaggio circolare sul nucleo fibroso del perineo (piccola zona esterna fra ano e vagina ).

Gravidanza e parto sono due momenti nella vita della donna durante i quali il perineo deve sostenere stress importanti; se inoltre un pavimento pelvico è già disfunzionale, non lavora in sincronia con l’apparato legamentoso durante la gravidanza e il parto, e questo può provocare danni “ irreversibili” ai legamenti gettando le basi per l’incontinenza urinaria che può comparire anche molti anni dopo in concomitanza della menopausa. Durante il parto inoltre il canale muscolare che accompagna l’uscita del bimbo è formato proprio dalla distensione di questo muscolo che ha anche una funzione attiva nella progressione del feto e da molti anni si sa che questo è un muscolo volontario e che se la mamma lo rinforza e impara a controllare la sua mobilità e il suo rilassamento gli sarà possibile partorire meglio anche attraverso l’aumento della percezione di questa zona che aiuta a direzionare meglio le spinte espulsive e a renderle quindi più efficaci E ancora, un muscolo elastico, distensibile e forte potrà far fronte a grossi stress da stiramento con minori rischi di lacerazioni o necessità di intervenire con l’episiotomia. Ancora oggi però molte donne non conoscono dove precisamente si trovi questo muscolo e quali siano le sue funzioni ne tanto meno sono in grado di valutarne eventuali problemi che ne possano condizionare il buon funzionamento.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti