Cordone ombelicale: servono ancora tante donazioni!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/09/2019 Aggiornato il 23/09/2019

La notizia di qualche giorno fa è terribile: sembra che una banca svizzera per la conservazione del sangue del cordone ombelicale sia fallita senza far sapere nulla... Eppure le banche pubbliche italiane hanno ancora tanto bisogno!

Cordone ombelicale: servono ancora tante donazioni!

Il cordone ombelicale è una risorsa preziosa, in grado di salvare molte vite. Eppure le mamme italiane che decidono di donare il cordone del proprio bebè sono ancora troppo poche. Spesso viene conservato in banche private estere, ma non sempre così è sicuro. La Cryo Save, società con sede legale in Svizzera e anche un ufficio a Roma, sembra essere fallita e i campioni lì depositati trasferiti – forse non tutti – presso una società polacca, senza la possibilità di avere spiegazioni. Una situazione che non può succedere a chi dona a banche pubbliche, anche se in Italia oltre il 95% dei cordoni ombelicali viene gettato, sprecando risorse preziosissime per la ricerca e la cura di gravi malattie.

Una risorsa preziosa

Nel cordone ombelicale sono presenti cellule staminali in grado di trasformarsi nelle cellule del sangue e in cellule immunitarie. Per questo, si tratta di armi importantissime in presenza di malattie caratterizzate da una compromissione di queste cellule, come leucemie, linfomi, immunodeficienze congenite. Non si sa per quale ragione, ma è certo che le cellule staminali provenienti dal cordone ombelicale, rispetto a quelle ottenute da midollo o da sangue periferico, hanno una maggiore capacità di attecchire e di essere accettate dell’organismo del ricevente, tanto che si possono utilizzare anche cordoni non completamente identici al profilo genetico del ricevente.

Più di mille trapianti a bambini e adulti

Al 30 giugno 2013, grazie alle donazioni delle donne italiane, in tutto il mondo sono stati effettuati 1.234 trapianti di cellule del cordone ombelicale. Il 32% dei riceventi era rappresentato dai bambini, mentre il 68% da adulti.

Si deve fare di più

Il numero delle donatrici sta aumentando, ma non a sufficienza. Sempre a metà dello scorso anno, infatti, le unità presenti nella Rete delle 19 Banche Italiane erano 34.879. Invece, un buon inventario dovrebbe essere di almeno 70.000 unità. Oltretutto bisogna considerare che sono effettivamente utilizzabili non tutte le unità raccolte, ma solo quelle che rispondono a una serie di caratteristiche qualitative e quantitative. Per esempio da gennaio a giugno 2013, su 6.154 unità raccolte, ne sono state impiegate solo 582.

Serve maggiore informazione

Per questo gli esperti stanno cercando di sensibilizzare le donne italiane sull’importanza della donazione del cordone ombelicale. Solo aumentando l’informazione e coinvolgendo anche le mamme straniere si può sperare di colmare il gap fra richiesta e offerta.

Da sapere

LA DONAZIONE È ANONIMA

Il cordone ombelicale viene donato in forma anonima, quindi, viene sottoposto a una procedura che permette di isolare le cellule staminali, che vengono tipizzate. Le cellule vengono poi congelate finché sono necessarie a un ricevente compatibile.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti