Doglie: meno dolore con un nuovo spray analgesico

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/03/2016 Aggiornato il 02/03/2016

Paura del parto? Non più, è in arrivo un nuovo spray nasale analgesico, a base di fentanil, che riduce i dolori del parto

Doglie: meno dolore con un nuovo spray analgesico

Come sarà il parto? Riuscirò a sopportare il dolore? Sarò brava a spingere? È normale porsi queste domande e avere paura del parto, soprattutto se si tratta della prima gravidanza. Ma oggi per le partorienti c’è una bella notizia: l’arrivo di un nuovo farmaco a loro disposizione per sentire meno dolore durante le ore di travaglio. È uno spray nasale analgesico studiato per ridurre i dolori del parto.

Testato in Australia

Sperimentato in Australia, su 156 partorienti, è risultato efficace come l’epidurale ma con effetti collaterali minori. Il nebulizzatore, infatti, è a base di fentanil, un analgesico, che produce meno fastidi rispetto alle iniezioni di petidina somministrate in travaglio per l’epidurale.

Analgesico usato già sui bambini

Lo spray è stato finora utilizzato soprattutto come analgesico nei bambini e nei pazienti durante i trasferimenti in ambulanza. Grazie ai risultati positivi della sperimentazione i ricercatori dell’University of South Australia lo hanno voluto testare anche in sala parto, ottenendo risultati sorprendenti.

Meno nausea

In base alle ricerche effettuate è emerso che lo spray analgesico provoca meno nausea rispetto alle iniezioni di petidina, rende meno dolorose e più brevi le doglie, crea meno difficoltà ad allattare al seno e dona un maggior senso di soddisfazione alla neomamma. L’80% delle donne che ha utilizzato lo spray nasale analgesico per ridurre i dolori del parto ha dichiarato che lo userà ancora al prossimo parto.

Diverso dall’epidurale

Petidina, per l’epidurale, e fentanil, per lo spray, sono due sostanze oppioidi che vengono trasmesse dalla mamma al bambino. In particolare, la petidina quando viene assorbita dal corpo è convertita in un altro farmaco che rimane nell’organismo del bimbo per 3 o più giorni, causando talvolta lievi problemi di respirazione, sonnolenza e irritabilità. Il fentanil, invece, non si trasforma nello stesso modo, ma viene espulso nell’arco di 2 – 7 ore, con minori rischi di creare effetti sul bambino.

Pratico nell’uso

Il nuovo spray nasale analgesico è molto pratico anche nel suo impiego. Le partorienti possono autosomministrarselo, sotto la supervisione di un’ostetrica, attenuando così il dolore delle contrazioni ma mantenendo tutte le sensazioni fisiche. È, quindi, adatto alle donne che vogliono essere comunque in grado di avere la percezione del travaglio. Inoltre, secondo gli esperti, è indicato anche per coloro che non possono sottoporsi a epidurale per problemi come la preeclampsia (o gestosi).

 

 

 
 
 

In breve

 

LA PAURA DEL PARTO SI SUPERA COSÌ

Il dolore del parto spaventa molte donne. Per vincere la paura sono tre i consigli che danno gli esperti: scegliere l’ospedale che fa sentire a proprio agio, frequentare i corsi preparto e condividere le ansie con il ginecologo di fiducia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti