È vero che con la luna piena ci sono più nascite?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/06/2012 Aggiornato il 20/02/2015

Gli studi smentiscono che la luna piena possa favorire più nascite, ma i dati delle sale parto lasciano aperta la questione

 Una volta per definire con maggiore precisione la data del parto non esistevano gli strumenti sofisticati di cui disponiamo oggi e le donne incinte, desiderose di scoprire quando si sarebbe verificato l’evento tanto atteso, si affidavano a credenze popolari che traevano spesso la loro origine dall’osservazione della natura, per esempio che con la luna piena ci sono più nascite. 

Diverse credenze popolari

Tra di esse una delle più diffuse è infatti sicuramente quella che collega la procreazione e la nascita alle fasi lunari, in particolare che con la luna piena ci sono più nascite. Più precisamente, in base a questa tradizione, la fase di luna crescente corrisponderebbe a quella della massima fecondità, con la luce della luna che aumenta parallelamente alla forza procreatrice della donna, mentre la fase calante, successiva al plenilunio, è ritenuta un periodo sfavorevole al concepimento perché la forza lunare va appunto riducendosi e con essa il vigore vitale femminile. La medesima credenza mette in relazione l’inizio della gravidanza in luna crescente con un probabile anticipo del parto e con la nascita di un maschietto; viceversa se il concepimento si verifica in luna calante, ciò favorirebbe un ritardo del parto e la nascita di una femminuccia.

 C’entra con la forza di gravità

 Al di là dei miti antichi e dei parallelismi rilevabili tra cicli lunari  (29 giorni circa) e la ciclicità biologica femminile (28 giorni), una delle ipotesi su cui si fonda il binomio luna-fertilità si ricollega alla forza gravitazionale esercitata dalla luna e in particolare alla sua capacità di suscitare maree, ovvero l’innalzamento del livello dell’acqua presente sulla terra per effetto dell’attrazione da parte della luna. Secondo alcuni, questo influsso potrebbe agire in qualche modo anche sul liquido contenuto nel sacco amniotico all’interno dell’utero materno dove il feto galleggia durante i nove mesi, e quindi determinare degli effetti sulle nascite. Altre teorie si rifanno, invece, alla funzionalità dell’episifi, ghiandola neuro-secernente del cervello che controlla l’inizio della maturità riproduttiva e che produce melatonina, detentrice di un ruolo essenziale nel mantenimento dei ritmi circadiani intrinseci dell’organismo in sincronia con il ciclo luce – buio. 

CONSULTA LE FASI DEL CICLO LUNARE E IL SESSO DEL NASCITURO

 Mancano le basi scientifiche 

 Dagli studi condotti sul tema, in realtà, non sono mai emersi dati che attestino un’effettiva corrispondenza tra nascite e fasi lunari, più precisamente che la luna piena favorisce più nascite. 

La tradizione resiste

Ma la tradizione resiste. Ed è quanto confermano tra l’altro i risultati di un’interessante tesi del Corso di Laurea in Ostetricia presentata presso l’università Alma Mater Studiorum  di Bologna nell’anno accademico 2006/2007: in essa da un lato si ribadisce l’assenza di evidenze statistiche che colleghino fasi lunari e nascite, dall’altro si rileva come, in base alle risposte a un questionario effettuato a un campione di ostetriche, la gran parte delle donne in travaglio di parto continui a porre domande sul tema e che una percentuale rilevante delle stesse ostetriche supponga una probabile correlazione tra ciclo lunare e parto, pur non potendo fornire una spiegazione scientifica al fenomeno.

 
 
 

In breve

LA TRADIZIONE RESISTE

 

Dagli studi condotti sul tema, in realtà, non sono mai emersi dati che confermino che durante la luna piena nascono più bambini. Tuttavia, la tradizione fa la sua parte: una percentuale rilevante di ostetriche suppone una probabile correlazione tra ciclo lunare e parto, pur non potendo fornire una spiegazione scientifica al fenomeno.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti