Epidurale: non modifica il travaglio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/01/2017 Aggiornato il 05/01/2017

Chiarita una questione da tempo dibattuta: l'epidurale non modifica il travaglio, lo rende solo meno doloroso. Per questo va incentivata

Epidurale: non modifica il travaglio

Sì al parto con l’analgesia epidurale: non modifica il travaglio, che può essere vissuto appieno dalla futura mamma, ma allo stesso tempo riduce il dolore delle contrazioni, favorendo un maggiore benessere materno e, di conseguenza, del nascituro. È quanto stabilito dai medici britannici riuniti nel corso dell’ultimo meeting della Royal Society of Medicine.

Parto indolore: benefici per tutti

Secondo i medici britannici va sfatato il mito secondo cui un parto condotto in modo completamente naturale e senza l’ausilio di analgesici – e quindi doloroso – è il meglio che possa esserci sia per le mamme che per i bambini. Con l’epidurale, spiegano gli esperti britannici, la partoriente avverte le contrazioni ma non soffre: riesce così a respirare meglio e subisce un livello di stress inferiore, elemento particolarmente positivo soprattutto nel caso di donne con specifiche condizioni mediche come diabete e ipertensione. Le donne, affermano dunque gli esperti, dovrebbero tutt’altro che vergognarsi di voler partorire con questo piccolo “aiuto”.

Come funziona

L’analgesia epidurale non elimina del tutto le contrazioni durante il travaglio, bensì le rende percepibili in modo non doloroso, in modo che la donna risulti sempre attiva e partecipativa. Spiega Gaetano Draisci, direttore dell’Unità operativa complessa di anestesia in ostetricia e day surgery del Policlinico Agostino Gemelli di Roma, “l’epidurale è una metodica sicura sia per la mamma sia per il bambino, è flessibile perché dà la possibilità di modulare l’analgesia ed è rispettosa delle dinamiche fisiologiche del travaglio”. La tecnica consiste nel posizionamento di un sottile cateterino nello spazio epidurale attraverso il quale, prosegue Draisci, “si iniettano i farmaci analgesici, il cui effetto ha inizio dopo circa 10 minuti e permane per tutta la durata del travaglio, senza compromettere la deambulazione e la partecipazione attiva nella fase espulsiva”. 

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

L’effetto antidolorifico dell’epidurale si accompagna a un miglioramento della respirazione materna e conseguentemente a una migliore ossigenazione fetale. 

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ho avuto un aborto: posso cercare un’altra gravidanza?

28/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Dopo un'interruzione spontanea della gravidanza, si può senza dubbio cercare di rimanere incinta di nuovo, senza che sia necessario sottoporsi a indagini particolari. L'aborto è un'eventualità frequente prevista da madre natura per assicurare la nascita di bambini sani.   »

Tosse che non passa mai in un bimbo di sei anni: che fare?

27/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Per capire quale possa essere la cura più adatta per controllare una tosse che si protrae per giorni e giorni è prima di tutto necessario focalizzarne l'origine.   »

Doloretti in 8^ settimana: cosa può essere?

27/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

A volte il fastidio al basso ventre che comapre in gravidanza può essere in relazione con la stipsi. Diventa dunque importante favorire l'attività dell'intestino con l'alimentazione e il movimento.   »

Cardirene: le donne incinte di 40 anni devono per forza assumerlo?

21/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che le ragioni di una prescrizione vanno richieste al medico che l'ha effettuata, è senz'altro possibile che in caso di gravidanza in età avanzata, anche senza particolari fattori di rischio, venga indicato l'uso dell'aspirinetta (il Cardirene) per giocare d'anticipo sull'eventuale comparsa di...  »

Incinta a 35 anni: quali indagini è opportuno fare?

08/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

A prescindere dall'età materna al momento del concepimento, è opportuno che tutte le donne nel primo trimestre di gravidanza effettuino il test combinato o perlomeno la misurazione della TN (translucenza nucale), che rappresentano il metodo universale e raccomandato di screening delle anomalie fetali....  »

Fai la tua domanda agli specialisti