Epidurale: Valle D’Aosta e Friuli Venezia Giulia in testa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/06/2013 Aggiornato il 14/06/2013

Secondo un rapporto di Cittadinanzattiva l’epidurale è garantita solo in due regioni, Valle D'Aosta e Friuli Venezia Giulia. In Molise nessun centro invece la eroga 

Epidurale: Valle D’Aosta e Friuli Venezia Giulia in testa

Solo in Valle D’Aosta e Friuli Venezia Giulia si ha la certezza di effettuare il parto con l’epidurale. L’epidurale è, infatti, una delle prestazioni per le quali si rilevano le differenze più significative di trattamento a livello regionale.

 È quanto emerge dal Rapporto 2012 dell’Osservatorio civico sul federalismo in sanità di Cittadinanzattiva. 

Il rapporto ha evidenziato che su 580 punti nascita esaminati, solo Valle D’Aosta e Friuli Venezia Giulia erogano il parto in analgesia nel 100% dei casi; seguono il Trentino (86,7%) e la Toscana (84,2%). All’opposto, in Molise nessun centro eroga l’epidurale; la Sicilia lo esegue nel 6,2% dei punti nascita; Basilicata e Abruzzo nel 14,3%.



Diversa anche la copertura oraria

Ancora più variegata, rileva sempre il Rapporto, è la copertura gratuita 24 su 24 dell’epidurale: in generale al Nord sono le strutture più grandi (con oltre mille parti l’anno) a offrire l’epidurale gratuitamente 24 su 24, mentre al Sud ciò avviene soprattutto nelle strutture piccole; Veneto e Friuli Venezia Giulia sono risultate le regioni più virtuose.



Centri chiusi

Il rapporto evidenzia, inoltre, come dei 158 punti nascita con meno di 500 parti l’anno censiti nel 2009, a luglio 2012 solo 20 sono stati chiusi, di cui 9 in Calabria.


In breve

INFORMARSI IN TEMPO

Se desideri partorire con l’epidurale, poiché non tutti gli ospedali la garantiscono, è bene che ti informi in tempo, anche perché dovrai seguire un iter che accerti la tua idoneità a tale prestazione.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti