Il papà deve assistere al parto? Sì, ma soltanto se lo desidera davvero

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/03/2013 Aggiornato il 21/03/2013

A molte donne fa piacere avere accanto un uomo che desideri assistere al parto. Non a tutte però. E anche i papà spesso preferiscono aspettare fuori la nascita del bebè

 Il papà deve assistere al parto? Sì, ma soltanto se lo desidera davvero

C’è chi se la sente

Il papà che desidera assistere al parto della compagna, e quindi alla nascita di suo figlio, è, in genere, il tipo di uomo che ha seguito la gravidanza della partner fin dal primo istante, accompagnandola sempre alle

visite ginecologiche e a fare le ecografie, e frequentando insieme a lei i corsi preparto. In genere, la maggior parte delle donne è contenta di avere accanto un uomo così premuroso. Tuttavia, non tutte le donne la pensano nello stesso modo e a qualcuna potrebbe non fare piacere il pensiero che il partner possa assistere al parto, anche per timore che ne rimanga eccessivamente turbato. È indispensabile, quindi che nella coppia si parli anche di questa eventualità e che si trovi un accordo. Se c’è chiarezza, l’uomo non si sentirà messo da parte nel caso la donna preferisca che siano la madre, una sorella o un’amica ad assistere al parto.

E chi non ce la fa

Piuttosto frequente è il caso opposto, quello cioè in cui la donna desidererebbe avere accanto il proprio compagno, ma lui invece non se la sente proprio di assistere al parto. In questo caso ci vuole comprensione da parte della donna, che deve capire che questa resistenza da parte del compagno a entrare in sala parto è assolutamente normale, senza che per questo si debba dubitare del suo amore o della sua “vicinanza” in quei momenti. Molti uomini, semplicemente, non riescono a tollerare l’idea di non poter fare nulla di fronte alla sofferenza fisica della compagna o arrivano addirittura a sentirsi male. Forzarlo, quindi, sarebbe solo controproducente: è bene, invece, rispettare la sua scelta, anche perché un uomo che sta male in sala parto, oltre a non essere di nessun aiuto, crea problemi al personale sanitario che, a quel punto, si deve occupare anche di lui.

In breve

Non tutti i papà se la sentono di assistere al parto

Assistere al parto è un’esperienza molto forte dal punto di vista emotivo e non tutti i papà se la sentono di affrontarla. Di norma, quelli che lo fanno, sono uomini che hanno sempre seguito la propria compagna sin dalla prima visita di controllo. In ogni caso il proprio compagno non va colpevolizzato, ma compreso.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti