Il papà deve assistere al parto? Sì, ma soltanto se lo desidera davvero

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/03/2013 Aggiornato il 21/03/2013

A molte donne fa piacere avere accanto un uomo che desideri assistere al parto. Non a tutte però. E anche i papà spesso preferiscono aspettare fuori la nascita del bebè

 Il papà deve assistere al parto? Sì, ma soltanto se lo desidera davvero

C’è chi se la sente

Il papà che desidera assistere al parto della compagna, e quindi alla nascita di suo figlio, è, in genere, il tipo di uomo che ha seguito la gravidanza della partner fin dal primo istante, accompagnandola sempre alle

visite ginecologiche e a fare le ecografie, e frequentando insieme a lei i corsi preparto. In genere, la maggior parte delle donne è contenta di avere accanto un uomo così premuroso. Tuttavia, non tutte le donne la pensano nello stesso modo e a qualcuna potrebbe non fare piacere il pensiero che il partner possa assistere al parto, anche per timore che ne rimanga eccessivamente turbato. È indispensabile, quindi che nella coppia si parli anche di questa eventualità e che si trovi un accordo. Se c’è chiarezza, l’uomo non si sentirà messo da parte nel caso la donna preferisca che siano la madre, una sorella o un’amica ad assistere al parto.

E chi non ce la fa

Piuttosto frequente è il caso opposto, quello cioè in cui la donna desidererebbe avere accanto il proprio compagno, ma lui invece non se la sente proprio di assistere al parto. In questo caso ci vuole comprensione da parte della donna, che deve capire che questa resistenza da parte del compagno a entrare in sala parto è assolutamente normale, senza che per questo si debba dubitare del suo amore o della sua “vicinanza” in quei momenti. Molti uomini, semplicemente, non riescono a tollerare l’idea di non poter fare nulla di fronte alla sofferenza fisica della compagna o arrivano addirittura a sentirsi male. Forzarlo, quindi, sarebbe solo controproducente: è bene, invece, rispettare la sua scelta, anche perché un uomo che sta male in sala parto, oltre a non essere di nessun aiuto, crea problemi al personale sanitario che, a quel punto, si deve occupare anche di lui.

In breve

Non tutti i papà se la sentono di assistere al parto

Assistere al parto è un’esperienza molto forte dal punto di vista emotivo e non tutti i papà se la sentono di affrontarla. Di norma, quelli che lo fanno, sono uomini che hanno sempre seguito la propria compagna sin dalla prima visita di controllo. In ogni caso il proprio compagno non va colpevolizzato, ma compreso.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Cardirene: le donne incinte di 40 anni devono per forza assumerlo?

21/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che le ragioni di una prescrizione vanno richieste al medico che l'ha effettuata, è senz'altro possibile che in caso di gravidanza in età avanzata, anche senza particolari fattori di rischio, venga indicato l'uso dell'aspirinetta (il Cardirene) per giocare d'anticipo sull'eventuale comparsa di...  »

Lavoro tanto di giorno: di notte è bene che le mie bimbe dormano con me?

15/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Se un bimbo si è già abituato a dormire nella sua cameretta, non è opportuno privarlo di questa importante conquista per averlo accanto nel lettone. Meglio puntare sulla qualità del tempo, anche se poco, che si trascorre insieme, dedicandosi a lui amorevolmente e gioiosamente ogni volta che si può. Basterà...  »

Sulla trasmissione del gruppo sanguigno

13/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Secondo le leggi che regolano la trasmissione dei gruppo ABO, ogni soggetto eredita sia dalla madre sia dal padre un solo fattore a testa, quindi da una madre AB e da un padre 0 non possono nascere figli di gruppo AB, ma solo di gruppo A0 o B0. Nel tesserno verrà però indicata solo la A o solo la B.  »

Grosso dispiacere in gravidanza: il bimbo ne può risentire?

10/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fortuna vuole che il feto sia protetto dalle emozioni negative che può provare la donna in gravidanza e questo vale anche quando il dispiacere è così grande da determinare addirittura qualche manifestazione fisica, come il mal di pancia.   »

Incinta a 35 anni: quali indagini è opportuno fare?

08/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

A prescindere dall'età materna al momento del concepimento, è opportuno che tutte le donne nel primo trimestre di gravidanza effettuino il test combinato o perlomeno la misurazione della TN (translucenza nucale), che rappresentano il metodo universale e raccomandato di screening delle anomalie fetali....  »

Fai la tua domanda agli specialisti