In 20 anni i parti gemellari sono raddoppiati, ma c’è poca assistenza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/11/2013 Aggiornato il 26/11/2013

Dagli anni ‘90 i parti gemellari sono raddoppiati. Non sempre, però, gli ospedali sono attrezzati per gestirli. Per gli esperti serve più assistenza

In 20 anni i parti gemellari sono raddoppiati, ma c’è poca assistenza

Quando l’ecografia svela che i bimbi sono due, in genere, mamma e papà subiscono un piccolo shock. In realtà, le gravidanze e i parti gemellari non sono necessariamente rischiosi, a patto però di essere seguiti in maniera adeguata. Il problema è che non sempre è così. Questo perlomeno è l’allarme lanciato dagli esperti.

Gli ultimi dati

I dati del ministero della Salute confermano che nel 2010 i parti gemellari in Italia sono stati 8.550, pari all’1,6% del totale. All’incirca il doppio rispetto a 20 anni fa. Dagli anni ’90 a oggi, infatti, il numero dei gemelli è aumentato moltissimo.

Tante cause

Le ragioni? Secondo i medici sono varie. Sicuramente occorre considerare il ricorso sempre maggiore alla fecondazione assistita, che aumenta le probabilità di gravidanze gemellari. Anche l’età avanzata della mamma è un fattore di rischio per i parti gemellari e plurimi. In effetti, secondo il rapporto del ministero, la frequenza di questi parti è più elevata sopra i 40 anni. E oggi – è bene ricordarlo – le donne fanno figli sempre più tardi.

Serve un’attenzione maggiore

Le gravidanze e i parti gemellari presentano un aumentato rischio di complicazioni a carico della salute della mamma e del bebè. In particolare in molti casi, comportano una nascita prematura e un basso peso alla nascita, tanto che un numero considerevole di bimbi necessita di ricovero in unità di terapia intensiva neonatale. Per questo, vanno seguiti con attenzione. Se l’assistenza è adeguata, in genere, non succede nulla di irreparabile e le conseguenze sono minime. Il problema è che non tutte le strutture ospedaliere riescono ad assistere al meglio la mamma e i bimbi. Secondo Mario De Curtis, del dipartimento di pediatria dell’università Sapienza di Roma, non sempre gli ospedali sono attrezzati con un numero sufficiente di posti in terapia intensiva neonatale. La situazione è critica soprattutto nelle regioni con i piani di rientro. In linea generale servirebbe una maggiore assistenza.

In breve

NON SEMPRE SERVE IL CESAREO

I parti gemellari non richiedono necessariamente il ricorso al cesareo. In alcuni casi, è possibile anche partorire naturalmente.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

Bimba che vuole solo il papà dopo l’arrivo della sorellina

20/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Dopo la nascita di un fratellino, è positivo che il maggiore crei un legame speciale con il padre e la mamma, anziché sentirsi messa da parte, dovrebbe esserne contenta.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti