Parto indotto e pilotato

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/01/2015 Aggiornato il 09/01/2015

Nei casi in cui la gravidanza si protragga oltre il termine senza che il travaglio si sia avviato spontaneamente, si ricorre all'utilizzo di alcuni farmaci

Parto indotto e pilotato

I farmaci sono utili sia per indurre, cioè per provocare, sia per pilotare il travaglio, cioè per accelerare le contrazioni nel caso in cui esse siano troppo lente. Negli ospedali italiani, di norma, si induce il travaglio quando la gravidanza ha superato la 41ª settimana e tre giorni. Dopo questo termine, infatti, il liquido amniotico nel quale è immerso il piccolo potrebbe scendere al di sotto dei valori normali e causare problemi al feto. Si ricorre all’aiuto dei farmaci anche quando il bebè nel pancione è in uno stato di sofferenza, per esempio se durante le ultime settimane è cresciuto meno, o al contrario, troppo e, quindi, si prevede un travaglio difficile per la mamma.

Parto indotto

La somministrazione dei farmaci per indurre il parto può avvenire in diversi modi:

  • inserendo in vagina le prostaglandine (sotto forma di ovuli o gel), sostanze naturali che stimolano la comparsa delle contrazioni;
  • immettendo tramite flebo nel braccio della mamma l’ossitocina, un ormone che provoca le contrazioni;
  • praticando la rottura artificiale (o amnioressi) delle membrane del sacco amniotico (nel caso in cui non si sia verificata in modo spontaneo. Si pratica inserendo in vagina uno strumento simile a un uncinetto per forare il sacco amniotico (la cavità che contiene il liquido nel quale è immerso il feto). Essa comporta la liberazione di prostaglandine (ormoni naturali), che in genere danno avvio al travaglio.

Parto pilotato

Si parla di parto pilotato quando il travaglio si avvia naturalmente, ma la dilatazione del collo (la parte inferiore) dell’utero è molto lenta: in questo caso, si ricorre all’utilizzo dell’ossitocina per intensificare e accelerare le contrazioni. A seconda del risultato ottenuto, la somministrazione del farmaco può essere aumentata, ridotta o sospesa nel corso del travaglio.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti