Inventata una nuova vasca per il parto in acqua

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/10/2013 Aggiornato il 09/10/2013

Una giovane ostetrica padovana ha brevettato una nuova vasca per il parto in acqua, a dimensione della mamma ma anche del personale sanitario

Inventata una nuova vasca per il parto in acqua

Si chiama “Alexia” l’innovativa vasca per il parto in acqua inventata da Alessia Selmin, ostetrica venticinquenne del Policlinico di Abano Terme (Pd).

Tanti punti di forza

Sono diversi gli elementi di forza che caratterizzano la nuova vasca per il parto in acqua. Innanzitutto, una sedia morbida dotata di un meccanismo di scorrimento, grazie alla quale la donna può essere sollevata ed estratta in caso di urgenza o di controlli. In secondo luogo, ci sono delle superfici d’appoggio che permettono alla mamma di assumere le posizioni migliori per affrontare il dolore del travaglio. Inoltre, non mancano un sistema di filtraggio dell’acqua e dei piani di appoggio per i ferri chirurgici. Per finire, sono stati inseriti un sistema di illuminazione interna e un idromassaggio.

La donna è più comoda

Alessia Selmin ha voluto creare una vasca per il parto in acqua che garantisse una maggiore profondità e, dunque, una maggiore libertà di movimento. La donna può così sistemarsi come meglio crede e anche assumere quelle posizioni in grado di favorire la dilatazione e la progressione del feto lungo il canale del parto, che spesso aiutano a prevenire complicanze. Le vasche al momento in uso negli ospedali italiano non permettono un’assistenza immediata. Anche per questo, la pratica del parto in acqua non è molto diffusa nel nostro Paese. Con il nuovo modello, le cose potrebbero cambiare.

In attesa del finanziamento

Per proteggere la sua invenzione, la giovane ostetrica ha depositato un brevetto italiano che verrà concesso a breve poiché l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi ne ha riconosciuto il carattere innovativo. Ora serve un finanziamento, che servirà a costruire un prototipo della vasca e a favorire l’industrializzazione dell’invenzione.

 

In breve

I VANTAGGI PRINCIPALI

Il parto in acqua offre una serie di benefici: rilassa, riduce la percezione del dolore, garantisce maggiore naturalità, aiuta i movimenti. Tuttavia, non è molto praticato, anche per il rischio di non riuscire a gestire eventuali complicanze. La nuova vasca potrebbe cambiare le cose. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti