Lotus birth: un parto ad alto rischio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/07/2017 Aggiornato il 18/07/2017

Vantaggi solo ipotizzati e troppi rischi: per questo la Lotus birth secondo la Società italiana di neonatologia è una pratica da non raccomandare

Lotus birth: un parto ad alto rischio

La moda dilaga, ma i neonatologi mettono in guardia: secondo la Società italiana di neonatologia (Sin) partorire seguendo il metodo Lotus birth comporta vantaggi solo ipotizzati e troppi rischi ed è quindi una pratica da non raccomandare.

Nasce in California

La Lotus birth o parto Lotus, chiamato così dal nome dell’infermiera californiana che lo richiese per la prima volta nel 1974 alla nascita di suo figlio, è caratterizzato dal mancato taglio del cordone ombelicale con la conseguenza che la placenta rimane attaccata al neonato anche dopo il secondamento. La Lotus birth prevede che la separazione del neonato dalla placenta avvenga naturalmente, generalmente tra i 3 e i 10 giorni di vita, quando il cordone si secca e si distacca spontaneamente dall’ombelico. In questo periodo la placenta, trasportata sempre con il neonato, viene conservata in un sacchetto o in una bacinella.

Pericolo infezioni

Le ragioni per cui la Società italiana di neonatologia esclude la possibilità di effettuare la Lotus birth in Italia sono diverse, sebbene negli ultimi mesi siano aumentate le richieste e alcuni ospedali già consentono questa pratica, mentre altri stanno valutando la possibilità di inserirla tra le modalità previste per partorire. I neonatologi spiegano che a oggi mancano evidenze scientifiche che ne dimostrino il reale vantaggio per mamma e bimbo, mentre non è infondato il pericolo di infezioni che potrebbero mettere a rischio la salute e anche la vita del piccolo: i vantaggi ipotizzati di un maggiore passaggio di sangue dalla placenta al neonato, per esempio, vengono meno dopo pochi minuti, quando il cordone smette di pulsare, mentre elevato può essere il rischio di infezione.

 

 

 
 
 

In breve

IN ITALIA NON È PREVISTO

Da un punto di vista strettamente normativo in Italia le Linee Guida ministeriali sul parto non contemplano la Lotus birth tra le diverse procedure per partorire. Alcuni ospedali ai quali era stata fatta richiesta di effettuare la Lotus birth negli ultimi mesi hanno ritenuto che questa procedura non può essere praticata per il rischio infettivo e non consente il rispetto delle norme igienico-sanitarie.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti