Nascere in estate rende i bimbi più alti e forti

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 13/08/2019 Aggiornato il 16/08/2019

Concepire in autunno-inverno per far nascere in estate il proprio bambino sembra regalargli più chance in termini di salute. Ecco perché

Nascere in estate rende i bimbi più alti e forti

Più sani e più forti. Così sembrano essere i bambini che nascono in estate rispetto a chi viene alla luce in un’altra stagione. È quanto ipotizza uno studio pubblicato di recente sulla rivista medica Heliyon da ricercatori della Scuola di Medicina Clinica dell’Università di Cambridge, secondo cui nascere in estate rende i bambini più alti e protegge la salute delle donne.

La stagione di nascita è importante

Durante la ricerca, gli autori hanno esaminato le cartelle cliniche di 452.399 cittadini britannici e irlandesi. Lo scopo era capire se nascere in un determinato periodo dell’anno piuttosto che in un altro potesse avere ripercussioni sul piano psicofisico. Dall’analisi è emerso che le persone nate in giugno, luglio e agosto avevano quasi sempre un peso più elevato alla nascita e un’altezza maggiore da adulti rispetto a quelle nate negli altri mesi. In particolare, avevano il 10% di possibilità in meno di avere una statura inferiore alla media. Al contrario, i bimbi venuti alla luce tra dicembre e febbraio erano più magri alla nascita e, in media, risultavano più bassi di 3 millimetri rispetto ai nati in giugno. Con la ricerca è stato evidenziata anche una correlazione tra il fatto di nascere in estate e la salute delle donne. Venire alla luce nei mesi estivi, infatti, ritarda lo sviluppo puberale e protegge le bambine dal rischio di cancro al seno, diabete e malattie cardiovascolari.

Il merito è del sole

Gli esperti ritengono che gli effetti benefici evidenziati dallo studio siano merito del sole: le donne che portano avanti la gravidanza durante i mesi primaverili ed estivi producono più vitamina D, una sostanza indispensabile a molte funzioni che viene sintetizzata soprattutto in seguito all’esposizione solare. La vitamina D rafforza le ossa e favorisce la crescita in altezza del nascituro.

 

 

Lo sapevi che?

Secondo uno studio della Columbia University Medical Center, i bambini nati a ottobre avrebbero la salute più fragile di tutto il calendario, con una marcata tendenza a disturbi come la sindrome da deficit di attenzione e iperattività.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti